Archivio | capitalismo e rapina RSS feed for this section

14 0ttobre 1980

9 Feb

14 ottobre 1980 . Chi ricorda questa data? Cosa significa, ancora oggi, per il Paese e per la sinistra? Ci ricorda una sconfitta che ha pesato in modo significativo sulle lotte e le istanze della classe operaia e il sostanziale spegnersi della sinistra italiana, come parte politica di riferimento di una classe sociale ben precisa: il proletariato.

L’Italia arrivava da dodici anni di grandi lotte, stragi di stato, terrorismo nero, nascita delle brigate rosse. Anni per alcuni terribili e per altri formidabili.Dopo tanta sovversione, e forse anche merito ad essa, era tornato il momento di ristabilire l’ordine.

Il pretesto è lo sciopero che da trentacinque giorni blocca la Fiat. Gli operai scioperano contro la cassa integrazione e il licenziamento di migliaia di operai. In particolare la scelta di mirare principalmente,  ai lavoratori più sindacalizzati e attivi nei consigli di fabbrica, portò uno scontro durissimo tra le parti.

Persino Enrico Berlinguer si pose a sostegno dell’occupazione della fabbrica, se questa scelta fosse stata approvata dagli operai in sciopero.

Il 14 ottobre 1980, sotto la guida del capo reparto Luigi Arisio, successivamente parlamentare repubblicano, un gruppo consistente di impiegati e quadri sfilarono per le vie del capoluogo piemontese, chiedendo che si tornasse al lavoro.

La leggenda parla di 40 mila partecipanti, in realtà erano decisamente meno, ma questo non cambia il risultato finale: la vittoria del padronato

Questa pesante sconfitta mette fine agli anni della contestazione e sposta profondamente i rapporti di forza, a favore dei capitalisti e dei padroni. I quali, giusto per alimentare un po’ di vittimismo, accusarono molti operai di essere fiancheggiatori dei terroristi e di comportamento violento in fabbrica. Accuse infondate e smontate, questo però non cambia il risultato finale: la sconfitta della classe operaia, porta anche la sinistra a sfasciarsi.  Il PCI cercherà di aprire una via possibile di trasformazione del paese, attraverso l’”alternativa democratica”. Cioè l’idea di un governo di forze socialiste e socialdemocratiche senza la Dc. Una rottura col compromesso storico, ormai irrealizzabile per molti motivi, tra cui anche la morte di Moro. Non andò molto bene e la sconfitta del referendum sulla scala mobile, lo scontro con il PSI di Craxi (simbolo di un’Italia arraffona, arrogante, della Milano da bere) culminato coi fischi dei militanti socialisti al segretario del PCI durante un suo intervento al congressodel P.S.I., indicano che la narrazione classista dei comunisti è giunta alla fine,

L’indebolimento della classe operaia, non è solo dannosa per il futuro dei lavoratori italiani, ma per il comunismo e la sua presenza nel tessuto sociale.

Senza i proletari, i lavoratori, non può esistere il comunismo. E senza comunismo la sinistra è svuotata dalla sua parte più organizzata e combattiva. Si finisce, come in molti paesi capitalisti,  per far testimonianza, piegarsi a logiche puramente astratte ed amministrative o a un inseguire col fiato corto ogni nuovo ed effimero movimento.

il 14 ottobre un branco di impiegati, di cittadini e uomini medi(ocri) ha colpito al cuore il più grande partito comunista d’Europa.  Smontato la sovversione degli extraparlamentari e dell’autonomia operaia.Seppellito decenni di lotte per i diritti del proletariato e dei lavoratori.

La legge 300 del 1970 comincia ad essere messa in discussione. Ci vorranno ancora molti anni per demolirla del tutto,  e ritrovarsi il Job Act.

Questi, in sintesi, i fatti che hanno portato la sinistra italiana a scomparire dalla scena politica. Peggio ancora : credere che il Pd di Renzi sia La Sinistra.

Le cose sono peggiorate col 1989: il crollo del muro e due anni dopo la fine dell’URSS . Per mano di Gorbaciov e di Eltsin . Si, quelli erano gli anni in cui i russi ci piacevano. Ridotti malissimo e senza una guida forte, in quei tempi ci sembravano davvero simpatici e affabili. In particolare l’ubriacone che fece bombardare il parlamento russo.

Il crollo del socialismo reale, ci portò a credere che il comunismo fosse fallito. Per non far la figura dei pirla, subito ci muovemmo per far autocritica, prender distanze dalla nostra storia (tenendo giusto Lenin da utilizzare come il poliziotto buono contro Stalin, lo sbirro cattivo)  cambiar nome al partito comunista e tante altre cose. Tutte volute da Berlinguer anni prima, ma portati avanti da funzionari un po’ grigi, preoccupati di prender voti dalla borghesia.

La storia sappiamo come finì. Vittoria di Berlusconi e inizio della crisi nella sinistra di governo.

Per anni la parola d’ordine era: “ rassicurare i moderati e il ceto medio”. Mentre stravinceva la destra più volgare e cialtrona mai vista all’opera in nessuna democrazia.

Ci sono stati anche momenti di grande riscossa e tragedia, come scordare Genova? Il movimento dei movimenti? L’altro mondo possibile? Sappiamo come è andata a finire.

Certe volte mi chiedo perché continuo ad aver fiducia nel comunismo, per quale spirito di puro masochismo presto attenzione alle “nuove” forme di vita a sinistra. Ogni volta grande presentazione in pompa magna, straordinarie idee, proclami, discorsi commoventi e alla fine l’unico risultato è rimandare alla prossima volta

Che sarà quella buona. Io non mi illudo,  però credo che ricercare l’unità delle forze di sinistra, ritornare a combattere, a lottare ponendo i diritti sociali davanti ad ogni altra esigenza ed istanza, sia fondamentale. Come aver ben chiaro i rapporti di forza, le sconfitte pesanti, gli errori da non ripetere. Ritrovare il coraggio, il piacere delle sfide.

In questi anni ne ho viste davvero troppe di liste, cartelli, nuovi partiti e movimenti. Tante sigle, tanti nuovi profeti ed eroi. Nessun risultato degno di nota.

L’alternativa è la rivoluzione. Ed essa è un atto di guerra, ricordiamocelo. Peccato che i duri e puri di Facebook, sempre pronti a deridere e smontare il lavoro degli altri, non mi sembrano affatto dei provetti Zukov.

Per cui io mi preparo alle elezioni con pragmatismo e lucidità. Senza visioni di nuovi miracoli in arrivo o di combinare chissà quale grande impresa. Mi limito a far il mio lavoro di militante, sostenendo le novità e lavorando affinché si possa ottenere una spinta che porti i comunisti a farsi vedere e sentire nei luoghi di lavoro e sfruttamento.

Questi sono anni di  transizione e conflitti all’interno dello stesso capitale. Forse io non vedrò nulla, forse i miei nipoti saranno più fortunati

Per loro e per le nuove generazioni, evito di far polemica e cerco di lottare col materiale a disposizione. Che farà anche piangere e allora vuol dire che faremo annegare i nostri nemici colle nostre lacrime!

ps: di seguito l’articolo rivisto e cambiato per la rivista Il Becco

Il 14 ottobre 1980 è una data fatidica e tragica per la storia della sinistra in Italia. Una di quelle che sono destinate, quasi per caso, a cambiare profondamente e quesi del tutto gli avvenimenti in un dato periodo storico. Vivendo in un paese con pochissima memoria, penso che molti compagni non abbiano ancora capito a cosa mi stia riferendo. Troppo presi a polemizzare tra piccoli partiti, correre a presso al nuovo miracolo che ci salverà tutti.

Annunci

Sono Tornato- di film e di politica

5 Feb

L’aspetto interessante di questa pellicola (già presente nel film originale del 2015) è il metodo usato da Mussolini, per riprendere il potere. Nè Hitler tantomeno il Duce, usano squadracce, violenza, terrore . Non ci sono camice nere che sfilano per Roma, non si dà olio di ricino a nessuno. Perché, in questo contesto socio-politico, non ne hanno ancora bisogno.

sono tornato

A ben vedere non è nemmeno ” la rabbia popolare”, o il populismo, come dicono quelli istruiti.  Un popolo arrabbiato si scatena solo se ha un leader alla guida. Non conduce il gioco, si lascia condurre. In modo offensivo, per degli splendidi animali, usiamo paragonar costoro a delle pecore. In realtà, lasciate che ve lo dica, un popolo abbandonato e incazzato è simile a un branco di lupi affamati.

Ora vi pongo una domanda breve e semplice: ” Il popolo affamato e arrabbiato, da chi è ridotto in questo modo?” Dai partitini dello 0, qualcosa? Dai vocianti idioti delle destre fasciste? O da un sistema capitalista che, da quasi trent’anni , ha spazzato via ogni forma di tutela per i lavoratori. Chiuso nel suo mondo di alta finanza, azzeramento delle ideologie, divisione e disorganizzazione dei lavoratori, effimere libertà , utili in caso di una democrazia forte e sana, pleonastici quando essa è del tutto inetta.

Nel film, assai godibile, di Luca Miniero, Lui torna usando l’arma e la libertà vanto della nostra democrazia: la satira.  Succede lo stesso anche nel film originale e questa “trovata” mi è garbata assai.

sono tornato due

In tempi mediocri, in cui è assai difficile portare le masse a partecipare alla vita politica; cosa trionfa? Il nulla. Questo spazio vuoto dobbiamo pur riempirlo, no? Allora aggiorniamo i classici della propaganda occidentale contro i nemici: la libertà di pensiero, di espressione, di satira.

Mussolini capisce questa cosa e conquista il paese sfruttando i canali giusti. Forse la tv, oggi, è un mezzo non così tanto potente. Sarebbe stato meglio approfondire il peso della Rete, ma è in virtù del successo ottenuto su Youtube, che il Duce  fa il suo ingresso dalla porta principale, nella politica italiana.

Intorno le persone sono occupate a ridere, a sentirsi libere e moderne, perché non hanno falsi moralismi. Loro non sono bigotti.

Costoro pensano sia normale sfruttare l’immagine di uno che “imita” il duce. Certo, all’inizio si premurano di non fargli dire battute offensive per le minoranze. Peccato che la loro ipocrisia crolli non appena il pubblico ride di gusto , a certe battute squallide del Dux.

Un risultato naturale quando passi anni a distruggere il peso delle ideologie, senza arrivare a scomodare la sacralità della vita. Un popolo scontento ha come unico mezzo di distrazione la risata. La quale non deve farci solo ridere, ma sghignazzare, portarci a forzare i confini, tanto tutto è un gioco.

Il gioco che maschera la sconfitta di un sistema politico. Però non vogliamo vederlo, non accettiamo di confrontarci con i limiti e gli errori di una democrazia debole.

Tutto deve apparire leggero, fico, farci sentire vincenti e liberi da ogni schema, regola.  Contrastare le regole e il sistema è fondamentale, il dissenso che si manifesta colla satira è il sale della democrazia. Però deve esser guidato da una ideologia capace di indicare i nemici delle masse,  di creare una coscienza di classe nel popolo, mostrando il Re Nudo. Non la nudità dei disperati o dei più poveri. Non disperdersi in un insulto generale, nel cattivo gusto fine a sé stesso.

Nell’originale tedesco, questo discorso era ben più incisivo. Hitler, infatti, è dapprima ospite di un cretino: un comico irriverente e dissacrante. Il quale, essendo un emerito coglione,  è principalmente un ipocrita e in secondo luogo non è in grado di gestire la situazione, quando si passa a un livello sempre più violento

Non puoi dire al popolo: “Ehi, state attenti!” Se per anni ti sei fatto il portavoce del ” ma che sarà mai! Si ride e basta!”.

Io non capisco quelli che si scandalizzano vedendo questo film. Quelli che, da bravi liberali, indicano come causa del trionfo dei redivivi ed ignobili Mussolini e Hitler, l’ignoranza del popolo. Quelli che hanno la missione di combattere contro le fake news e non dar gli strumenti culturali, per le masse, di saper esprimere meglio le loro idee.

Si dirà:” Non esiste più il popolo, abbiamo la gente”. Ecco, vi sentite colla coscienza apposto? Voi difensori inascoltati dei diritti, delle libertà, i quali improvvisamente si ritrovano circondati da un popolo rozzo, ignorante, che si permette di decidere la sua sorte in modo bizzarro. Ad esempio: votando male.

Io credo che la colpa sia dei “professori”. Cioè di quelle persone che sanno, hanno capacità e intelligenza, ma in questi anni ( e non dall’arrivo dei grillini) si sono distaccati dalle masse, per diventare voce del capitale.  Il quale, dopo la caduta del blocco sovietico, ha strada libera , senza ostacoli. Può usare il bastone e la carota.  Attacco totale ai diritti sociali e sostegno a politiche economiche “verdi”, tanto per citare un metodo .

Il capitalismo dal volto umano, non esiste.  Perché si basa solo sullo sfruttamento di persone e anche di lotte, utili in un dato momento produttivo. La totale dimenticanza dei diritti sociali, in questi ultimi anni, ha creato di fatto il dissenso proletario e di massa nei confronti dei diritti civili.

In un mondo simile, il ritorno di Mussolini è ben più che spianato. Basta vedere le cronache recenti. Il fascismo squadrista è ben presente sul nostro territorio. Anche in città come Firenze, dove la destra neofascista spopola tra i giovanissimi liceali.

Le istituzioni democratiche che fanno? Si indignano, si costernano, e gettano la spugna con gran dignità. No, senza dignità alcuna. Non comprendendo che il fascismo non si crea dal nulla, non è figlio della rabbia.

Esso, come nelle sue origini, è figlio della mancata risposta delle classi dirigenti, alle problematiche serie e vere del popolo.

In fin dei conti, cento anni fa, che successe? l’indebolimento e la mancata credibilità dei governi liberali, che arriva all’apice col governo di Luigi Facta, l’opportunismo cretino di una monarchia ignobile e la paura – fortissima- del comunismo, sono alla base della nascita e prosperità del fascismo

Più, un elemento che non deve mai mancare: la creazione di un nemico preciso, da donare alle masse, affinché non assaltino il Palazzo d’Inverno, ma semmai lo aiutino a ristrutturarsi col sangue e le ossa spezzate dei “colpevoli”.  La menzogna che le misure drastiche e la violenza, portino a miracolosi guadagni in termini di lavoro, ricchezza personale e ripresa della dignità a livello internazionale

Mussolini, in quegli anni, doveva vendicare la “vittoria dimezzata”, che tanto pesava nel cuore degli italiani.

Tra una “goliardata”, una bottiglia di olio di ricino, una manganellata, e tanta virilità.

C’è voluta la guerra per far aprire gli occhi agli italiani. Abbiamo perso i Matteotti, Gramsci, tanto per citare solo alcuni nomi. E ci siamo riscattati grazie a persone come Giovanni Pesce.

sono tornato 3

Entrambi i  film, però, sbagliano quando ci vogliono far credere che Lui e Baffetino, se la videro con un’opposizione organizzata, disciplinata, agguerrita. Mentre oggi abbiamo dei pirla allo sbaraglio. In realtà, anche in quel periodo, c’erano tensioni tra correnti, riformisti che accusavano di settarismo i comunisti, questi ultimi in polemica tra di loro e con altri rivoluzionari. Fino ad arrivare al capolavoro delle Grandissime Cazzate: L’Avventino.

Il tempo, sempre impeccabile giustiziere,  ha decretato chi è stato tra i grandi dell’anti fascismo e chi ha commesso enormi cazzate.

Per questo motivo, io non sono così disperato circa la nostra classe politica e la nuove leve. Non è detto che il liberal-capitalismo e i fascisti di ritorno, abbiano per forza la meglio. Forse si.

Se questo dovesse capitare, cari miei, è perché ci saremmo preoccupati di cose non importanti lasciando spazio alla restaurazione della tirannide.

Gli errori da non compiere, sono ben visibili in questa opera- bravissimo  Massimo Popolizio nei panni del Duce- e sono un po’ i classici della cultura occidentale di questo millenio :indifferenza al sociale e a chi è diverso da me, menefreghismo, ricerca del successo personale a tutti i costi, solitudine- non tanto perché non si ha qualcuno da amare, ma per l’impossibilità di amarsi e conoscersi come persona, e non come uomo/donna di successo economico- superficialità e irresponsabilità, partecipazione virtuale ai problemi grandi e piccoli del mondo che ci circonda

Mussolini torna, perché certi italiani non se ne sono mai andati I complici, gli opportunisti e i cretini, come il giovane regista, che troppo tardi scoprono in che guaio si son cacciati. Non per nulla, l’unica a riconoscere il Duce, è una vecchia malata di Alzeimer. Simbolo amarissimo di come la verità, storica e morale, sia del tutto pleonastica nell’epoca dei libelli di Pansa.

sono tornato 4

Infine, un’ultima nota, abbiate pazienza! Il film conferma una mia teoria: non esiste nulla di più consolatorio, che un finale senza consolazione.

Perché torniamo a casa scuotendo la testa, sconsolati di vivere in un mondo allo sfascio. Colpa di questa situazione (davvero insostenibile, mi creda dottore!) è del vicino di casa, del collega, del figlio che non ascolta, mai nostra. Così finiamo la giornata colla coscienza apposto. Ci siamo indignati e abbiamo gettato la spugna. lo spazio di un film.

Invece il fascismo come nasce e si sviluppa, può anche essere annientato. L’anti fascismo è fondamentale anche ai nostri giorni, sia contro quello nostrano e quello ucraino,.Non deve essere un pensiero, uno stato d’animo, ma un fatto concreto e di lotta.

Il fascismo è un crimine, una malattia del corpo sociale e politico della nazione e non solo. Per guarire serve una cura precisa e si chiama: comunismo.

Il lavoro

9 Ago

Il lavoro ha un suo senso quando diventa collante sociale, quando di fatto è utile al bene comune, aiuta a far progredire la società,  si prende cura ed assistenza di masse disagiate.

Quando punta sulla cultura, arte, al servizio di qualsiasi cittadino.

Vuol dire alzarsi la mattina ed essere orgoglioso di far parte di una classe sociale ben definita  e definibile.  La classe operaia ha creato nel concreto i mezzi per un progresso sociale del nostro paese: macchine, elettrodomestici e via dicendo.  Pressoché dimenticati o abbandonati, sono una base fondamentale per la società occidentale. Gli insegnanti non devono far divulgazione a caso, o esser trattati come dei presunti privilegiati, essi devono infondere la passione per lo studio, che richiede tempo-passione-fatica, e l’arricchimento personale di ciascuno di noi.

Il vero profitto non è tanto quello economico, ma quello personale e culturale.  Avere cittadini in grado di poter diventare i politici di domani, senza improvvisarsi paladini delle masse e rivoluzionari da tastiera, masse in grado di gestire al meglio la complessità e idiozia del sistema liberal-capitalista. Lavoratori dignitosi che sappiano rispondere con i mezzi che reputano più opportuni, all’arroganza padronale.

Questa sarebbe una società perfetta. Dove il lavoro occupa lo spazio che gli compete: essere la rappresentazione di classe, di progetti, di avanzamento verso cambiamenti individuali e di masse.

Tutto questo non succede nel nostro mondo.

Basti prendere gli ultimi tre casi: al sud dipendenti di una stazione di servizio, costretti a ridare ai padroni metà del loro stipendio, turni di lavoro massacranti, nessun diritto nel gestire la propria vita sul posto di lavoro e a casa.

http://meridionews.it/articolo/57377/siracusa-dipendenti-di-un-bar-pagati-500-euro-per-8-ore-costretti-a-restituire-meta-stipendio-societa-sequestrata/

Ad Adrara San Martino un’altra brutta storia di lavoro in nero, per poco più di un euro all’ora

http://www.bergamonews.it/2017/08/03/non-solo-stranieri-anche-3-bergamaschi-sfruttati-a-domicilio-dallazienda-di-adrara/261511/

Infine la storia di un uomo, licenziato per assenza ingiustificata, quando al suo datore di lavoro chiede espressivamente di cambiargli il turno perché la moglie sta partorendo.

Questi casi non sono isolati. Non si può liquidare il tutto come nefandezze di un gruppo di mele marce, perché La Mela Marcia, è il mondo del lavoro.

Da quando, attraverso la precarietà si è di fatto  disorganizzato il legame sociale e umano tra lavoratori. Creando persone ansiose di trovar un posto, uno  vale l’altro, tenerselo stretto più a lungo possibile, in competizione con altri disgraziati come te.

La propaganda di vivere in un bellissimo mondo pieno di oggetti che aspettano solo te, la fine dell’ideologia comunista per masse di lavoratori, spesso gente che fin quando andava bene erano i compagni della fabbrica, poi improvvisamente tutti legaioli e affini, ha debellato per molto tempo l’idea che il lavoratore abbia un ruolo centrale nella società. Conta il profitto e la produzione di beni da vendere. Per vendere  ti tocca pur veder la psicologia sputtanata da sedicenti guru delle vendite.

L’uomo è solo al cospetto della decisione aziendale.  La debolezza dell’individualismo è ben evidente in tutto il suo splendore: non hai una classe di riferimento, o meglio c’è ma non vuoi riconoscerti in essa, non hai un progetto di lunga durata e questo ti porta a non affezionarti al tuo luogo di lavoro, tempi ed orari ti portano via la vita. Ogni ambizione è sottoposta al sonnifero del: prendi quel che capita, di questi tempi si accetta di tutto.

Ragionamenti cretini che però sono accettati dalla società Meglio uno impiegato male, ma che “lavora”, piuttosto di uno che nonostante tutto e con mille difficoltà non vuol vendere il suo tempo a lavori a provvigione,  o di nessuna reale importanza. Tanti sono i lavoratori, tante anche le aziende. Se non assicurano un contratto serio, lasciate perdere.

Ci vuole coraggio a prendere questa decisione, non per niente ce l’hanno tolto da tanto tempo.

La crisi profonda comincia negli anni 80, precisamente dopo che 40.000 leccaculi, borghesucci squallidi, e proletari servi, fecero fallire l’occupazione della Fiat. Piano piano, giorno dopo giorno, scala mobile dopo scala mobile, il lavoratore diventa sempre più la merce che desidera e che compra e sempre meno un elemento sociale, di lotta, di classe.

Nel 1998 il pacchetto Treu, segna la rottura forte col passato. Da lì è un peggiorare senza freni.

Sicchè ancora prima del tanto bersagliato e malvisto “esercito di riserva” che poi sarebbero quelle persone- non poveracci, non martiri e santi o criminali ad oltranza- che sbarcano da noi. Fa specie che molti compagni si rendano conto ora di come sia ridotto malissimo il lavoro e non ricordino più gli oltre trent’anni di smantellamento della legge 300 del 1970: Lo Statuto dei Lavoratori

Fa specie anche di come molti progressisti liberal democratici, in primissima linea sul fronte giusto e importante, sia scritto e detto senza alcun filo di sarcasmo, ma con reale e sincera condivisione di idee civili,  siano rimasti zitti per tutto questo tempo, mentre il capitale si prendeva tutto e non dava nulla

L’uomo è tante cose, tra queste, anche il ruolo sociale che ricopre. Fino a trenta anni fa c’era ed era presente una sorte di soddisfazione di massa e personale, di stabilità e speranza nel futuro. Non perché fossero tempi migliori di questi, anzi sotto molti punti di vista: tecnologia, durata della vita, progressi scientifici, questi sono anni notevoli. Non per questo, dunque. Ma per un motivo ben più valido: la coscienza di classe.

L’operaio sapeva quel che valeva. E cosa chiedeva? Tempo per vivere, anche fuori dai turni massacranti della fabbrica. Chiedeva di poter decidere sul posto di lavoro, di democratizzare la produzione.

Cioè aveva una visione sia del suo posto di lavoro, che della sua vita.

La fatica non va mai idolatrata sopratutto quando è fine a sé stessa,  far vedere ai borghesi che culo ci facciamo, o non ti porta a un miglioramento anche umano.

Di fatti il padrone sa che lodando il lavoro del suo sottoposto avrà soltanto un cagnolino servizievole.

La benedizione della fatica fine a sé stessa è una delle tante arme usate dal padronato per amicarsi i sottoposti. Lodando il grande lavoratore di turno, spesso un idiota contentissimo di sprecare la sua vita in un posto di produzione e profitto di cui vedrà sempre una piccolissima e irrisoria parte, si loda non tanto un uomo, ma un servo.

Uno contento di non vivere, ma dar tutto al suo padrone. Spesso costoro creano fratture interne, non essendo per nulla d’aiuto ai compagni/colleghi.

Ogni lotta per vincere deve liberarsi delle quinte colonne interne: ” la gente che si pensa bianca” per i fratelli africani, le donne che insultano una ragazzina stuprata perché veste in modo indecente, in generale tutte le donne che offendono altre donne: fossero ragazzine violate, fidanzate di cantanti, attori, registi, e così via, per le rivendicazioni femminili.

Grandi lavoratori e crumiri sono la stessa cosa. Badate bene: non parlo di chi fa il suo lavoro con serietà, impegno, passione, ma di quelli per cui esiste solo il lavoro e l’approvazione del padrone. Questi sono nemici da sempre e vanno contenuti e screditati il più possibile

Un gregge di uomini chini su un lavoro non troppo stabile, e il datore dei lavoro o i datori di lavoro che controllano tutto: dalla produzione, ai licenziamenti, assunzioni, e sopratutto la vita degli operai e dei sottoposti

Succedeva anche nei decenni passati. Costruivano case, scuole, dopo lavoro. Così che tu fossi perennemente grato al padrone. Perché il lavoro fosse la tua vita. Non il riconoscimento di classe, perché quello porta a lotte e altro.

Assunzioni? Ecco, leggevo oggi di una ragazza non assunta come commessa perché il suo compagno è un africano. e quel cittadino italico puro del suo futuro datore di lavoro, non se la sentiva di lasciare la sua cassa nelle mani di un’italiana traditrice della sua razza.

Fa pensare come un padrone possa far quel cazzo che gli pare e un dipendente no. Perché nelle testa di cazzo di costoro non sei una persona con idee, emozioni, pensieri tuoi: no! Sei un oggetto creato a immagine e somiglianza di una testa di cazzo in pieno delirio di grandezza.

Tutto questo è sempre avvenuto, ma se prima la coscienza di classe ti poneva le basi per sentirti altro rispetto alle mire espansionistiche del padronato, ora è sempre più difficile

La paura della miseria, di allontanarci dal magnifico sogno di consumi, che consumeremo poco e male visto che siamo sempre al lavoro o alla ricerca di esso, ci spingono ad accettare

Perché gli altri che diranno? Perché in tempi di dominio borghese le masse sono belle quando non hanno gioia e pretesa alcuna che faticare e vantarsi di farsi il culo per niente

Il lavoro è un mezzo economico gestito da classi agiate per mantenere i loro agi, Il lavoro del futuro e fatto da numerosissimi giovani e meno giovani si basa sulla instabilità delle vendite e di un immaginario dove siete tutti fichissimi per al massimo 800 euro al mese. Lordi.

Per altro leggendo diversi libri di economisti, questo sistema di intendere il lavoro e i mercati che domina la nostra vita da quel lontano e ignobile 1989, è dannosissimo anche per i capitalisti, almeno per una buona percentuale di loro. Vi  è da dire che fino a quando non verranno colpiti, come è successo nell’ultima crisi e radicale cambiamento del capitale, piccoli e medi imprenditori se ne fregheranno allegramente.

Poi piangeranno miseria, prendendosela con lo Stato e non col capitale che ha deciso di sbarazzarsi di loro. La classe media non è mai stata quella classe portatrice di benessere o altro, i passi in avanti sono stati fatti grazie alla coesione e forza delle classi subalterne e proletarie. Ora si parla di classe media in difficoltà, si parla di poveri laureati in crisi, che vivono in un paese cattivo, come se il paese cattivo non avesse devastato e distrutto la classe sociale più forte e motivata di ogni società : quella proletaria. La sua riduzione, esclusione, non ha sconvolto nessuno

Da una parte,a sinistra, tutti volevano essere liberali, dall’altra, a destra: cazzo non ci posso credere! Venti anni di berlusconismo poi hanno fatto il resto.

Eppure è la classe proletaria, sono i lavoratori nel settore dell’educazione, delle scienze, della psicologia, della cultura, dell’insegnamento, quelli su cui puntare per risollevare la nostra società.

Questo non avverrà mai, non ora. Forse i nipoti dei nostri nipoti, forse loro.. Comunque noi non dobbiamo arrenderci: combattiamo anche per il gusto di rompere i coglioni a padroni, borghesi, e proletari servi. In particolare contro costoro.

Il nuovo che avanza…a manganellate

30 Ott

La storia è sempre la stessa: ogni tanto ci dicono che il nuovo avanza. Si discute e parla per mesi sui giornali, in tv, persino i cittadini. Qualcuno ritiene il caso avvisar che nulla di nuovo si è palesato nel paese. ” Stai zitto scurnacchiato! ” e ti guardano come se tu fossi un residuato bellico, di quei tempi dove – pensi lei- c’erano manifestazioni, occupazioni, lotte politiche e popolari. Cose brutte, meglio affidarsi alla lamentela, al sacro blog, ai video su youtube, al complottismo tascabile. State buoni se potete e sopratutto collegati.

I problemi della sinistra sono principalmente due: 1 ) la deviazione in senso liberal e capitalistica delle sue rappresentanze parlamentari. Senza un minimo di discussione sul metodo e merito del libero mercato,del capitale, del tema del lavoro.  Tanto che pure una normale svolta socialdemocratica è vista come un’azione di sobillazione , sovversione, una rottura del dialogo con i padroni che so tanto belli e buoni.

Questa area si è allargata a macchia d’olio in tutte le istituzioni principali della sinistra di governo e sindacato. Con alcune frange di ” resistenti” seppure inquadrati in discorsi vagamente social democratici o liberali di sinistra. Per quanto fastidiosissimi, e detestabili, talora sono utili come cooperatori in certe occasioni, ( manifestazioni ecc..ecc..)

2 ) lo ripeto: gli ultra rivoluzionari. E non parlo di quelli che lucidamente per uno spirito romantico e politicizzato assai nobile, sono convinti che questi tempi alla lunga produrranno una risposta rivoluzionaria  e allora si preparano da oggi,per comandare le masse inferocite verso i veri colpevoli. No, io dico quelli che devono riversare bile contro i revisionisti traditori tutti i giorni e alla cazzo.

Vi faccio un esempio paradossale,ma concreto: dovessero le forze di polizia o le destre assassinare un alto dirigente della Cgil, loro subito direbbero che in fin dei conti era uno stronzo traditore ed è stato sistemato dai suoi,poi slogan battaglieri,linguaggio da caserma,gulag e siberia a ogni virgola,e poi? Spengono il computer  e vanno a letto.

A differenza degli esponenti del primo punto, questi non creano grossi danni. Ma sono la deriva settaria-individualista, ( loro attraverso una militanza fittizia in gruppuscoli di pochissime entità,contro il mondo cattivo. Loro intatti e puri,ai margini della società e delle lotte,contro traditori,revisionisti, masse che non li considerano), di un movimento di massa che se ben inserito nel contesto sociale, abbandonando nostalgismi inutili, azzardate revisioni storiche, geopolitica come piace a noi,ecco nonostante questi enormi difetti,questi compagni e queste compagne hanno forza,volontà,passione da vendere. Sono solo troppo scioccamente divisi in piccoli gruppi spesso in lotta tra di loro

Ma hanno la forza e la volontà del militante. La serietà anche. Per questo sarebbe auspicabile un contatto e collaborazione maggiore,creare un polo di comunisti per egemonizzare il malcontento delle masse ingabbiate nelle sfilate a presso i punti di riferimento del centrismo liberale o pallidamente social democratico, e sopratutto-il vero nemico- la deriva populista dalle quali nascono le peggiori reazioni.

Questa è la situazione della sinistra nell’epoca del nuovo che avanza.

Sia quando esso era emanazione del peggior spirito italico, cioè quella sciagura del Berlusconismo, sia con i passi sempre più diretti verso la deriva liberista-liberale delle sinistre di governo.

Tanto che da anni possiamo pure dire che il Pd non rappresenti nulla di sinistra. Per questo sono ridicolissimi i compagni che rimproverano e attaccano il pd sotto questo punto. Va che Stalin si incazzerebbe con voi,e il vostro ridicolo senso dell’analisi dei fatti reali.

La sinistra ufficiale sopravvive nelle lotte per i diritti civili, ma non sociali e questo è un grosso guaio, la quale pure con tutti i punti discutibilissimi e criticabili, è pur sempre l’unica forza a combattere il pericolo di derive reazionarie,anche sfruttando il tema del matrimonio dei gay. Il quale è certamente il problema di una minoranza, ma un comunista intelligente, dovrebbe sapere che il nemico , lo ripeto, è la reazione e l’affacciarsi sulla scena nazionale di forze estremiste di destra. Quindi anche il matrimonio dei gay, il femminicidio, ecc.. Dovrebbero essere terreni di militanza e lotta da parte dei comunisti. Abbandonarli si rischia di fare come con l’anti imperialismo,lasciare che siano altre forze ad approfittarne e devastare le radici solide e di sinistra.

In fin dei conti,come dimostrano i fatti di ieri – la carica contro i lavoratori in manifestazione e contro i sindacalisti- per quanto sputtanata la classe operaia fa ancora paura al capitale. Sei libero di navigare,insultare, arrabbiarti e denunciare il potere,ma non di mettere in discussione la base economica che permette la salvezza e bella vita di una notevole minoranza. Il vecchio discorso della lotta di classe senza la quale non si arriverà a nulla, al massimo a diventare amici di certi rossobruni mattacchioni.

Sono sempre loro: studenti, operai,sindacati, quelli che sono visti come nemici da contrastare. Gli stessi che applaudono la polizia qui da noi,sono quelli che sostengono i giovani ribelli in Libia, Siria, Ucraina. Sembrerebbe un contro senso,ma non lo è.

Sempre di reazione e derive destrose si parla.

 

Poi ci sono quelli che si illudono di aver trovato il nuovo nella figura di Matteo Renzi. E nella compagine di Picierno e varie ed eventuali che lo sostiene. In realtà nessuno è più vecchio di renzi: nel linguaggio aggressivo e votato a propagandare un Nuovo più percepito che vissuto, nella base di una borghesia media che vuol difendere il suo stato e danari, di giovinetti fighetti e modernisti, e di gente che si improvvisa e a cui il dono della parola senza intelletto dona momenti imbarazzanti davvero incredibili

L’unica novità vera  e reale sarebbe un fronte comunista unito,senza nostalgie e teste calde ,ma anche di cazzo,capace di affrontare i tempi in cui deve agire e di porsi alla guida delle masse lavoratrici.

Questo sarebbe : il nuovo che avanza

Le contraddizioni di classe

30 Giu

La nostra società si evolve attraverso il cambiamento e la modificazione delle sue classi.  In quanto il capitale ha bisogno di rinnovamenti atti a far pulizia di settori ormai obsoleti.

Questo per dire che in sostanza la lotta di / fra classi potrà anche esser rifiutata su basi più o meno solide, con motivazioni più o meno scientifiche e in buona fede,ma , ( per quanto mi riguarda),  il mondo sarà sempre uno scontro -incontro tra classi in movimento.

Il problema è relegare questa lotta e questo scontro sotto un dogma di comportamenti stabili e standardizzati delle classi. Come se la lotta di un contadino del 1800 fosse la stessa di un giovane ricercatore precario. Non è così, o almeno non lo è del tutto, perchè cambia completamente la società di riferimento. E le classi sono espressioni delle loro società, a loro volta creazioni di ben precise istanze politiche e delle relative regole ideate dai governi.

Ci si scorda che la precarietà abbia avuto una sua responsabilità effettiva, nel creare una società interclassista non aperta a un dialogo tra classi , a uno scambio alla pari, a un mescolare esistenze e rivendicazioni,ma semmai nell’impoverire quella piccola borghesia che negli anni passati guardava con interesse le classi medio-alte.

Viene difficile ritenere solo l’operaio esponente del proletariato, perché la crisi economica e non solo ha spinto settori di collegamento o posti nel mezzo tra proletariato e piccola borghesia a un certo impoverimento.

Non sono crollate le classi,ma quelle forme di condivisione , quelle ideologie e istanze che rendevano chiare e precise le motivazioni  e le azioni dei gruppi sociali,alla base della composizione di una classe.

Questo viene confuso con la fine della lotta di classe, questo viene fatto passare come la testimonianza attiva di un mondo interclassista .

In realtà è una delle illusioni del capitale.  Che fa e bene il suo lavoro,cioè quello di ridicolizzare ogni altra forma di politica, di attaccarla con scuse legate alla democrazia o altre scuse.  Una pennellata di buoni sentimenti legate alle libertà padronali dell’opinione personale,( sacra e inviolabile), e larghe fasce di onesta gente di sinistra, senza partiti e ideologie, si farà  e lascerà ingannare.

L’alternativa si è persa quando ci è bastato esser testimoni, semplici indignati, petulanti richiedenti bontà e regole solide a chi vorrebbe farti pagare anche l’aria che respiri.

L’arrivo del grillismo con il suo pressapochismo ha spinto al massimo questo contesto classista confuso e furente, unendo varie parti sociali sotto una marea di cazzate clamorose. Dando maggiore forza alle classi dominanti e ai loro partiti di riferimento

Far passare la complessità del Capitale,come una cosa tratta da 007 , avvallare complottismi di ogni risma e sopratutto i più ridicoli, non fa bene sicuramente a una riscossa classista , degna di codesto nome.

Nondimeno tutti questi elementi  e altri che verranno fuori in questi anni, non faranno altro che evidenziare le contraddizioni di classe. A discapito sempre di un proletariato sempre più povero di iniziative e legato a scontri tra poveri o di genere. Il nemico è lo straniero o il gay che mina le nostre famiglie. Non comprendendo che lo straniero lavora con te in cantiere e in fabbrica , o in altri posti come la grande distribuzione e così via. Lavoratori, ecco cosa siete. Per cui l’interesse di ciascuno di voi è difendere quel poco di dignità umana, se proprio non riuscite a difendere il posto di lavoro. E il gay non mina o rovina nessuna famiglia ” normale”, non è che donar a loro diritti naturali come il matrimonio o una famiglia, vi sterilizzi. Voi potreste sempre metter al mondo figlioli e figliole che , ma guarda un po’, un giorno si scopriranno omosessuali. E allora?

Le contraddizioni della classe proletaria esplodono violente perché manca una guida e una disciplina di partito. Movimenti e centro sociali potranno pure agire bene nel locale, offrire spunti interessanti,ma è solo un partito a dare : disciplina, organizzazione, formazione politica ,e a porsi in testa alle masse . Oggi, putroppo, amorfe, disorganizzate, abbandonate ai loro istinti peggiori di sopravvivenza.

Ma la contraddizione di classe è anche a suo modo interclassista in modo netto e positivo. Non penso sia necessario il pedigree , la purezza della fonte.

Nella classe proletaria, da sempre , vi sono ampi settori che in tutte le condizioni possibili e immaginabili, si pongono come quinte colonne interne. Loro sanno che un certo “buonismo” teorico e di prassi, tra molti compagni, li proteggeranno.

In sostanza codesti sottoproletari sono ancora più pericolosi di un borghese o di un ricco capitalista. Si pongono come ascari del capitale, portando avanti un discorso di vergogna di appartenenza, collaborazionismo per disprezzo non solo delle sue origini,ma anche nel senso fascista di prendersela con i più deboli.

Sono la manovalanza abbietta dei peggiori gesti di violenza nei confronti di minoranze e avversari politici del capitale. Sono i vocianti rancorosi di movimenti populisti,  la ciurma del dio po. Legati spesso a superstizioni e riti oscurantisti, nemici del progresso e sostenitori della reazione.

La contraddizione è legata come dicevamo al fatto che non esista più la cultura dell’egemonia sulle classi attraverso un partito politico. Partito politico , comunista, ma non legato ai dogmi dei classici e alla nostalgia, capace di esser dalla parte di chi richiede diritti e progresso, ( qui si ripete lo stesso errore del proletario allo sbando: criticare i movimenti lgbt perchè alcuni di loro siano liberali atlantisti non significa che il matrimonio gay sia una lotta sbagliata, per questo non dobbiamo mai perder di vista l’importanza di una lotta. E semmai ampliarla ad altre istanze,ma senza scossoni violenti),un partito che sappia dare ai lavoratori la dignità di combattenti per diritti inviolabili, non li abbandoni sui tetti, non li riempa la testa di trattative pleonastiche, un partito anche aperto a compromessi se è il caso,ma da un punto di forza. Non servono slogan, programmi economici seri.

Per questo la contraddizione di classe apre anche inaspettate occasioni di confronto e collaborazione con elementi borghesi, i quali talora sono davvero interessati a cause nostre. La storia ci porta tanti nomi di valorosissimi padri del comunismo, nati in ambienti della buona borghesia.

Questi settori e le loro avanguardie intellettuali,artistiche,economiche , non vanno allontanate per una stolida questione di provenienza.

La lotta di classe è sempre presente nella storia degli umani, subisce pesantissimi processi di evoluzione o devoluzione , che ci deve portare ad esser sempre pronti a ricominciare e ad agire nel preciso contesto politico e non troppo prima o penosamente dopo.

La nostalgia del passato non serve a nulla, abbiamo imparato le lezioni,ma non ci serve in questa aula e ora. Sono le basi sacre da rispettare,ma non il santino da portare in processione.

Il comunismo e i comunisti non temano modificazioni e strategie forse ancora non del tutto chiare,ma la classe con le sue contraddizioni che ne minano l’efficacia, prosegue la sua strada. La lotta non è mai finita e per annientarla usano ogni mezzo.

La nostra risposta deve essere perfetta sia in teoria che in pratica.

a volte tornano,ma non so se tornano…

12 Giu

Era una mattina domenicale, una di quelle domeniche di novembre che solitamente hanno tutta l’allegria di un film di bergman o del sorriso di Pirlo. Una cosa così. Quando mi decisi di creare un blog. Forse perché ai tempi non avevo grossi impegni, forse per dar sfogo alla mia grafomania.  O per tutte queste ragioni.

Avevo sentito parlare di blog e affini durante una soleggiata mattina al mare. Non Rimini, per carità ! No, eravamo in Spagna.  Dalle parti di Barcellona. Insomma, mi piacque l’idea di poter scrivere i miei pensieri , il mio diario e metterlo a disposizione degli altri.

Gli Altri, prima che Ben Linus e i suoi mi facessero scoprire una nuova versione , per me “altri” significava gente con cui entrare in condivisione, cooperare, conoscere.

Questo nonostante un pessimismo o distacco manifestato talune volte, come patetica difesa per i miei insuccessi sentimentali.  Ma non è il momento di parlare di queste cose. Lo faremo, forse, molto forse e più avanti.

Io avevo 28 anni quando debuttai come blogger.  Detto ora sembra tanto tempo fa e sopratutto non sembra per nulla che tu sia mai stato giovane. Nel senso: ” Ora devo scrivere di quando avevo quel blog… Malgoverno! Eh, ero un ragazzino. Come ero giovane! Si al massimo 22 anni.”

Sto cazzo!

Ok,al di là di questa botta di vecchiume un tanto al chilo… Perché hai voluto aprire, gestire, scrivere, per un lustro pieno su un blog?

Per politica. Si, signore! Solo e giusto per politica.

La mia ragione di vita, la mia passione, forse anche il mio sfogo da cuore solitario,  forse, ma sopratutto ripeto : la mi vita.

Nel 1998 rimasi colpito da Rifondazione Comunista. Mi pareva un partito di sinistra decente.  Leggevo il Manifesto, ero anti berlusconiano convinto, anche se non distinguevo tra un capitalismo becero e uno buono. No, ero per il socialismo. Forse all’epoca pensavo dal volto umano, ma non spontaneista e movimentista. Non lo sono mai stato, tranne in brevi casi . Sfogo giovanile.

Mi sono iscritto al Prc, sezione di Monza e poi sono passato a quella di Lissone. Subito in disaccordo con le posizioni amministrative, di gestione degli equilibri di potere con la borghesia, della corrente bertinottiana- alla quale dobbiamo la crisi che ha travolto e devastato la sinistra alternativa- diedi sfogo alla mia classica contraddizione : grande simpatia per la corrente dell’ Ernesto – molto organizzati , disciplinati, ricchi di affascinanti riflessioni teoriche-pratiche, tutte cose molto affini al mio carattere e alla mia idea di compagni- ma alla fine diedi il mio sostegno alla corrente di estrema sinistra di Progetto Comunista. Sui ragazzi, come è anche giusto che sia, i turbolenti anni 70 esercitano un fascino clamoroso. Ribellione e fanfaronate , dissidenti contro tutti i poteri- come canta de andrè, sbagliando e del tutto-barricate, scontri,conflitti sociali. I canti della resistenza di autonomia operaia, le lotte -al tempo credute- gloriose della sinistra extraparlamentare, le critiche da sinistra a tutti e tutto , perché avendo perso tutto i vegliardi avevano solo una morale immacolata da difendere.

Furono anni di grande passione, dedizione, impegno. Gioia e rivoluzione. Hai presente la canzone degli Area?

E il blog serviva per quel motivo. Si lo so, dovrei scrivere servì , poiché mi sto scrivendo usato il passato remoto, ma sai una cosa? Liberi tempi sotto tempi da schiavi , ( del capitale).

Ho ottimi ricordi comunque sia come militante del prc che poi come militante del pcl.  La politica come chiave di lettura del mondo, come base stabile,ma non sono mai mancati i miei dubbi, nati grazie alle certezze granitiche dei compagni più indottrinati al trockjismo  e non solo, c’è sempre stato un grosso lavoro di critica e giudizio sul resto del mondo, ma cosa importante che troppi rivoluzionari alla cazzo – poi parleremo di quanto io non riesca più a tollerare codeste figure- dimenticano: autocritica e giudizio su quello che si sta facendo o dicendo.

Credo che sia una delle grosse differenze fra un comunista e un fascista: la capacità di aderire totalmente a un partito e alla sua linea- senza fare il dissidente come un qualsiasi fighetta liberale che si ritiene un individuo indipendente , che valga di più il suo sentire , i suoi capricci , che la coesione ed adesione a un partito- ma anche il continuo lavoro di giudizio sul suo operato e su quello del suo partito.

Cosa che certi veri, duri , puri, comunisti non fanno mai. Troppo impegnati a denunciare i traditori, revisionisti, trockjisti, stalinisti e bla bla bla bla , piuttosto che una vera e propria riflessione sul disastro assoluto a livello di seguito popolare e di adesione al tessuto sociale odierno. Ma li sfanculiamo più avanti,va.

Il blog era la mia presentazione, la mia vetrina e quanti scambi vivaci, sinceri, con compagni e compagne di tutte le varie anime della nostra sinistra. Ho trovato persone validissime tra i militanti dei centri sociali, (faccio il nome dello Zapata di Genova e di Luca, molto acuto , ironico, preparato nelle sue considerazioni, anche se non sempre le condivido), tra persone rimaste ancora legate alla morente sinistra parlamentare, tra i cani sciolti e i trollo trosco-anarchici.

Discussioni animate, idee al confronto. Si, è stato un periodo bellissimo.

E io avevo voglia di scrivere, di condividere, volevo dire a quella gente  , ( che anni dopo si sarebbe raggruppata in un noto gruppo di cabaret demenziale : il famigerato m5s), che la politica è una cosa bellissima.

Complicata, complessa, ricca di sfumature , delusioni, rabbia, disillusione, quanto vuoi. Ma una cosa importante. Fondamentale

Come lo è militare in un partito, seguire la linea decisa dalla maggioranza dei suoi militanti, operare nelle masse per farsi conoscere. Ma per questo slogan e preghiere affinché torni stalin , non servono a un cazzo. Non serve a un cazzo nemmeno fare il più comunista di tutti, il capopopolo , la guida illuminata e illuminante dei lavoratori se popolo e lavoratori non ti seguono. Puoi trincerarti dietro la tua purezza, dietro le pagine imparate a memoria, puoi discutere di 4 internazionali di quinte colonne allo sbando,ma se le tue idee non riescono a conquistare, egemonizzare, portarti a crescere di numero e adesione, se nella tua fabbrica non hai nessun peso politico nei confronti dei colleghi. Bè, stai facendo un pessimo servizio al comunismo e alla politica. Per cui prima di attaccare gli altri e fare lezioni di morale, ecco: dove stai sbagliando compagno? Perché non scrivi e non fai autocritica pubblica? Ne sarei lieto.

Ti dicevo: insomma facevo banchetti, volantinaggio,assemblee. Io e gli altri.  Tutti: i miei compagni di partito , e chi leggeva e commentava Malgoverno. C’erano scontri, c’erano lotte epiche contro qualche nazista, c’era sicuramente da parte mia la quasi assoluta mancanza di censura- forse uno o due avrò bannato, e per farsi bannare sono passati secoli di confronto e discussione- ripeto anni belli: di militanza e di blog. L’idea da narcisi e individualista della blog star da seguire, trollare, magari pure pagare, era lontanissima da me. E lo è tuttora ,perchè il blog per me è solo un mezzo di comunicazione. Superato da twitter e dalle sue frasette perugina su tutto  e niente,ma per me il blog rimane mezzo di condivisione, collettivista, atto a cooperazioni. Parte dalle tue idee ,ma diventa una volta pubblicato il post, roba di altri.

Mi ha tenuto compagnia durante la mia campagna elettorale come sindaco per Lissone, esperienza fantastica e bellissima. Prima che la rete diventasse l’unico luogo di scontro-incontro politico, gestito da invasati gentisti, era tutto questo: discussione, scontro, conflitto,ma rigorosamente politico

Ho conosciuto tanti amici e amiche fantastici e meravigliose. Te l’ho detto c’era una grande voglia di comunicazione  e di lotta,impegno, militanza. Ognuno come poteva

Sai quelli che mo ora dicono: arrendetevi, siete circondati , tutti  a casa, pappamagna, morto zombi, per la maggior parte all’epoca erano impegnati a prenderti in giro perché “fai politica”, loro no . Mai. Devo dire che son coerenti visto che anche oggi continuano a fare lo stesso.

Poi cosa successe?

Ogni storia ha la sua conclusione, e la nostra fu di credere speciale una storia normale. Nel 2009 rompo piano piano con il trockjismo,  grazie anche alla lettura dei libri scritti da Lev e da documenti dove si attaccava qualsiasi forma anti imperialista perché non pura,ma sopratutto sono le rivoluzioni colorate  , in particolare quella iraniana a farmi rompere definitivamente con il pcl. E da allora , purtroppo, sono senza partito,ma penso che prima o poi rifarò una tessera. Perlomeno quella.

Il 2009 -2011 sono anche anni , che rivisti oggi, da una parte mi fanno approfondire le tematiche anti imperialiste,ma dall’altra piano piano mi tolgono anche la volontà di scrivere circa la politica

Sono anni pessimi,  e che continuano ancora oggi,  di capitalismo trasformato in una sorta di patetica e ridicola spectre, di favolosi e  pericolosi complotti svelati tranquillamente da tizi in libera uscita dal tso, di scie chimiche e di debunker che per dio non toccarmi la santa america e la grande democrazia israeliana.

Tutto è diventato turpe, macchinoso, ridicolo, ci siamo chiusi nei social a fare i maestri senza allievi della rivoluzione  e continuiamo a tener sermoni per chi ?Noi e altri poveracci che ci leggono.

Una cosa tristissima.  Così stufo di trockjisti che vedono rivoluzioni in ogni fetta di popolo che scende in piazza, sbagliando sia in iran che in libia, che in siria, di stalinisti devoti con le loro sciocche preghiere al ritorno di san giuseppe, (sarebbe bellissimo, ma ecco siamo anche abbastanza lucidi da essere atei e quindi…. Nessuna santificazione a sproposito), di social confusi un po’ stalinisti,ma tanto nazisti, di democretini dirittoumanisti sempre dalla parte dell’impero. Che ti dicevo? Mi ero stancato, perso. Non di fare o amare la politica e aver una razionale fiducia nel socialismo,ma della gente che commenta e scrive di politica

Le scemenze paranoiche, le risibili e ridicole teorie revisioniste delle quinte colonne, i dialoghi sciatti,volgari, rancorosi , simbolo di frustrazioni o di cattiveria spicciola. E il fatto di fermarmi io per primo a stupidi slogan, a un certo opinionismo d’accatto, lo sconforto assoluto vedendo con i miei occhi che l’anti imperialismo è i  mano a gente che pubblica di tutto senza un minimo di riflessione- perchè comunque sono sempre gli altri ad avere torto e quindi basta che si scriva qualcosa contro un nostro nemico , noi sosteniamo e  pubblichiamo- e una manifestazione lodevole negli intenti ,ma troppo piena di idioti hitleriani,mi hanno portato a fermarmi e riflettere su quello che avrei dovuto fare: adeguarmi ai toni e alle tematiche o interrompere.

Ho fatto la scelta per me giusta. Visto che non mi divertivo più,visto che applicando la regola sacrosanta dell’autocritica ho trovato fin troppo reazionari e deliranti certi post scritti. Così una volta scomparsa splinder ho portato il blog su questa piattaforma,ma per i motivi elencati sopra , a un certo punto ho smesso. Dando più peso e risalto al mio blog sul cinema.

Tornerò  a scrivere di politica? Forse.

Sto ricostruendo la mia vita politica, la devo ricominciare da capo.

Una cosa sono certo: non sono un duro, non sono un puro e nemmeno un rivoluzionario. Non mi definirò mai tale per rispetto a quelli che lo sono stati davvero e non perchè su facebook fanno l’elenco dei traditori , di una parte e dell’altra, moralismi d’accatto e così via. Sarà solo una rivoluzione a definire chi sono rivoluzionari e chi quaquaraqua .

Non sono nemmeno un democretino che reputa migliorabile il capitalismo e che si possa discutere con l’impero,perchè comunque l’occidente è sempre er mejo della compagnia ao!

Sono semplicemente un comunista. Magari uno di quei  piccoli funzionari che seguono con zelo le regole del partito, che rifiutano il sentimentalismo del morire in barricata che poi mi fanno una bella canzone, che misura le parole  e riflette su quanto dire. Lucido, razionale, legato al suo tempo. E a quello che sia possibile fare ora, con quello che realmente abbiamo, ma sempre con il cuore e il pensiero orientati verso la ricostruzione del socialismo, dell’abbattimento del capitale  e dell’imperialismo euroatlantista.

Due punti sono alla base del mio definirmi comunista: la presa di coscienza del fatto che Stalin e l’Urss siano la parte da cui cominciare con la nostra storia di combattenti e compagni . L’altra è che pur avendo idee giuste si debba agire nell’oggi e parlando alle masse come sono oggi.

Non vi è nulla di più triste che tenersi splendidi dogmi incompresi dalla maggior parte del popolo e appassire più veloci di loro.

Vecchie balle per oligofrenici delle libertà

29 Ago

Non cambiano nemmeno il copione. Non lo fanno. La storia è sempre la stessa: c’è un cattivo che tormenta il suo popolo, let’s go nipotini di John Wayne sotto acido propagandistico,andiamo a liberarli ! E come? Con le bombe al fosforo bianco! Ma non sono armi chimiche quelle che avete usat…

Ehi! Ehi! Fermate quel terrorista! Sta attaccando la Democrazia.

 

Ecco,questo è quello che succede più o meno da noi. Sono venti anni che ci raccontano balle sulle armi chimiche e noi invece di prender le distanze che facciamo ? Ci ricaschiamo sempre.

Alcuni invocano l’Onu,come quando invochi dio sul patibolo: la lama scende , pirla! Altri ti diranno nè con nè con, e allora con chi? Perchè il popolo siriano la sua scelta la fa.

Il problema è che il nostro popolino si reputa civile  e moderno, sprezzanti rifiutano di mettere in dubbio un sistema che a casa loro li rende precari, carne da scambio per le ditte, stressati,un sistema talmente moderno e civile che sul matrimonio per i gay scade in risse da bar. Complimenti!

Essi vedono quindi la propaganda di Assad e di altri,ma non quella che da anni si sorbiscono. Stupri dei ribelli fatti passare per quelli compiuti dai soldati di Gheddafi, la povera blogger lesbica siriana eliminata da assad,che poi si scopre essere un giovanotto americano autore di un fake. E così via. No, guarda non c’entra il complottismo. Trattasi di come funziona il nostro sistema.

 

Ogni volta si inventano falsi incidenti o si compiono atti terroristici per colpire l’immaginario collettivo. Come la guerra in Vietnam , ad esempio. In altri casi costruiamo dissidenti, spesso medi borghesi mediocri, che non sopportano di esser trattati alla pari di altri, di perder prestigio. Li vedi poi i tuoi eroi quando prendono il potere con la scusa della libertà di parola, stampa, espressione, quali libertà effettive e reali portano al popolo: investimenti stranieri,svendita dello stato e della sua indipendenza, arricchimento della borghesia parassita.

Nessuno dei vostri eroi pacifici e non violenti, una volta preso il potere ha fatto qualcosa per il suo popolo, ma l’ha fatto per i suoi padroni.

Però voi non vi vergognate, non lo fate mai.  Si dite: brutta la guerra, ma tifate U..S. A. la quale poi vedi che comunque saprà tornare alle origini del sogno americano: sterminio degli indiani? Schiavismo,intromissione nelle politiche altrui, soffocamento e repressione delle lotte operaie,come da noi peraltro, ecco questo è il paradiso imperialista e colonialista che passa da nazione in nazione sotto il capitalismo.

 

Ma per caso i democretini  hanno un po’ di dubbi? No. Tu devi averli ! Che se ti permetti di insistere o cercare il dialogo ti tirano fuori le  cazzate su quanto sia bello avere dei dubbi, che non sei democratico,che sei ottuso e via declinando.

Loro invece, stranamente, non hanno mai dubbi: credono alla bella propaganda di Obama principe di bel air, piagnucolano che mamma america essendo buona non possa fare certe cose ,ma garba assai che bombardino paesi che hanno la sola colpa di essere indipendenti

Gettano fango contro quei governi, aiutati dai giornalisti e dagli opinionisti, quindi ben inquadrati sotto il pensiero unico,ma siccome sono tanti i giornali che ci dicono:dio bono ci ha ragione l’america, il popolino ci crede .

Portiamo democrazia, civiltà, che poi quale sarebbe? Ma la vedete come funziona? Borghesi che campano e altri sotto. Si,si , semplifico tanto perchè è quello che meritate.

Democretini e destronzi uniti insieme nel nome di israele,america,ascari europei.  Convintissimi che siano nel giusto, le balle le raccontano solo i nostri nemici. Solo loro.

Eppure sono 20 anni che continuiamo a leggere le solite cazzate, 20 anni che lo stato canaglia americano si espande, per il controllo massimo del mondo, per esportare il suo capitalismo. Niente altro che questo.

E noi ad applaudire, che non si parli di socialismo perchè quella è roba da terroristi. Più leggi liberali,più mercato libero.

Il risultato è che il campo anti imperialista è infiltrato da forze oscurantiste e reazionarie, hanno fatto bene: non hanno trovato nessuno o pochi comunisti a difendere le nazioni sotto attacco imperialista.

Sono stanco di dire e scrivere queste cose, penso sempre di più a resistere io, come essere umano,ma non mi arrendo.

Arroganti,presuntuosi,stupidi figli della borghesia e ignoranti felici di esserlo del tanto sognato e vaneggiato popolo italiano, continuate a comportarvi da ascari degni di questa colonia.

Io sto con Assad e la Siria che resiste. Sono anti imperialista,anti capitalista ,anti colonialista. Non ho bisogno di altro