Archivio | aprile, 2013

Ora e sempre :resistenza!

25 Apr

Cosa abbiamo fatto di meglio noi italiani?Mi sai trovare qualcuno che possa esser migliore di quelli che hanno combattuto ed hanno anche semplicemente aiutato i partigiani?Delle donne,dei ragazzi,uomini che hanno rischiato e perso la vita per far in modo che un giorno un poveraccio scrivesse libri di merda contro di loro?Bè, a esser sincero mi sa che se dovessero tornare in vita farebbero il culo quadro a illo e alle merdacce revisioniste.

Resistenza…Senti che bellissima parola,che bel suono,che importanti immagini evoca.Noi facciamo tutto per denigrarla e degradarla,d’altronde il democretinismo ha demolito le istanze di rivolta,resistenza,puntando sul falso mito del dialogo con i nemici non per chissà quale spirito democratico,ma per debolezza,per vergogna di quello che eravamo. Molti si sono adagiati sul essere maggiordomi degli imperialisti,lasciando a una serie di cialtroni il campo libero nel movimento anti imperialista,nota che a questi poco importa della lotta all’impero,vogliono solo creare confusione e casini,portare avanti le loro cazzate reazionarie travestiti da grandi pensieri geopolitici.Quanti gravissimi errori hanno fatto quelli di sinistra e per questo non li perdono,ma non divento destronzo

 

Io sono un resistente di sinista,comunista,sempre  e comunque,legato al pensiero socialista,alla difesa del comunismo e delle persone che son vittime delle catene capitaliste e imperialiste

Una storia partita con onore sulle canne dei fucili dei Giovanni Pesce,Dante di Nanni e che continua perchè oggi resistenti sono quelli che combattono il democretinismo colonialista e collaborazionista e la merda reazionaria omofoba e xenofoba.Io per ora mi basto,sono solo senza partito e movimenti,sto con i comunisti, i pochi rimasti .Va bene così

La resistenza è la nostra vita,giorno dopo giorno!

Annunci

la banda de ciucc e de i maltrainsema

16 Apr

Prima di essere socialista,comunista,o quello che volete voi , sono realista. Non vivo nel mondo dorato di una sana dittatura proletaria e socialista , non è tornata L’Urss o la DDR e non torneranno. Il sistema capitalista ,liberale, liberista, è da anni e anni che provoca disastri a destra e manca, proprio per la sua natura di una piccolissima parte con il potere e la produzione sotto controllo e le masse abbruttite,spente,demotivate a chieder come elemosina cose anche normali. Lo scontro da noi è dinamica di mutamento negli interessi dei gruppi capitalisti in lotta tra di loro. Una ridicola e piatta opposizione incapace di proporre reali alternative ha il solo ruolo di legittimare i nostri regimi, con le solite parole sulla libertà di espressione,parola,stampa. Dovrebbe farci ragionare a lungo sul fatto che tu possa dire quello che vuoi, fino a un certo punto, e poi non hai nessun diritto vero e importante:lavoro,casa,sanità,istruzione pubblica,nazionale,statale. Per tutti. E a ben vedere fa specie che da noi , popolo libero e moderno, stiamo ancora discutendo con tanta animosità da circo la questione del matrimonio gay, negando diritti di coppia normali al di là di come la si pensi sul movimento glbt.

Il pantano ideologico della crisi permanente, la quale cambia di volta in volta i soggetti , ma non l’idea di fondo, pare essere l’unico sistema a cui noi dovremmo fare affidamento.

Per sano realismo,dicono. Tuttavia il realismo , per come la vedo io, non è abbandonarsi al “subire senza reagire” questi maledetti tempi. E non è nemmeno perdere la lucidità enfatizzando,analizzando,facendo seghe mentali su presunti nuovi soggetti e rivoluzioni gloriose. Esso è la pura lucidità su cui ogni militante deve fare riferimento. Non è abbandona la nave prima che affondi e nemmeno stiamo affondando,ma va là ,per un po’ di acqua a bordo e l’inclinazione verso il basso  della nave.

Questi sono gli unici due comportamenti possibili in questi tempi. Tempi di lotte tra poveri e disperati e non so. I nuovi mezzi di comunicazione ci ubriacano facendoci credere che davvero la polemica debunker e complottisti sia al centro del mondo del popolo , tanto per fare un esempio

Sai il problema è che le buone idee da sole non bastano, non servono, se non hai ottimi maestri che le sappiano spiegare alle masse,sopratutto quelle meno abbienti. Siamo in perenne clima da tifo calcistico,convinti che un’opinione valga tanto quanto anni e anni di studio,riflessioni,costruzione di teorie legate al contesto politico e sociale. Per cui un po’ di spontaneismo,un po’ di vaffanculo,oppure il classico immobilismo e tanta fiducia nelle istituzioni,nell’Europa che ce guarda,nella buona america e nel liberalismo. Entrambe queste correnti portano l’acqua con le orecchie a un sistema politico che da anni è libero di governare ed accelerare crisi al fine di avanzare verso il necessario rinnovamento. Uno scontro interno al capitale è quello che viviamo da noi. Con il coro greco delle sinistre liberali a far da sottofondo.

Noi non potremo mai migliorare se siam legati a una visione codardamente e banalmente umanocentrica, non nel senso alto di migliore l’Uomo e la sua vita attraverso il cambiamento politico,ma un umanesimo d’accatto,usato non per la lotta ,ma per frenarla. Attento,guarda che in altri posti fanno questo e quello,quindi calma e sangue freddo eh. Subite,che noi piangeremo per voi e per i vostri diritti. Solo che mi son rotto dei pianti dei coccodrilli. Servirebbe lo scontro e le barricate,servirebbe la riscoperta del socialismo,ma ormai siamo messi davvero male. Dobbiamo accettarlo,per molto tempo i veri e sinceri socialisti staranno in gruppi su facebook .Ed è per questo che qui dovremmo passare dal “ma come era bello il passato” a un minimo di programma politico.Sarà quello che lasceremo ai giovani,sperando di non essere imbarazzanti come gli ex ribbbbelli degli anni 70. Alfieri della sconfitta assoluta e totale della sinistra estrema e no,liberale e liberista,gente che avrà letto marx,e che lo tiene come reliquia perchè sa che esso non può esser portato paro paro nella realtà Sono gli uccellacci del malaugurio, quelli ossessionati dalle rivoluzioni tradite perchè loro non sono mai stati rivoluzionari.Anzi il fallimento di esse li eccita,perchè permette a loro di poetizzare alla cazzo di cane.Sono quelli che criticano a prescindere Stalin,riportando la spazzatura ideologica della contro rivoluzione trockjista e anarchica.Non comprendono che la pensione li aspetta,che tanto bravi a dispensare perle di saggezza politica hanno cresciuto una generazione demente come la mia, quella dei rasta che van a fare le manifestazioni sperando che il dj metta la canzone giusta,delle carnevalate inutili contro la precarietà, anime belle senza intelligenza politica,e il resto?Dei pirla clamorosi.

Chiaro che fino a quando ci rifaremo alle loro idee blande e casiniste,senza accettare organizzazione,disciplina,strategia,autoritarismo e conoscenza del Reale,stiamo freschi. Davvero.

Noi siamo anti imperialsti e colonialisti. Nel nostro tempo che viviamo è L’America e i suoi collaboratori a portare avanti questo metodo brutale di controllo. Per questo sono anti americano ed anti sionista.. Non perchè sono americani,inglesi,ebrei,ma per il ruolo politico che ricoprono in questo momento. Se fossi nato tra duecento anni e le stesse politiche internazionali di menzogna e repressione fossero gestiti dal Lussemburgo e da San Marino sarei contro di loro,chiaro?

Ora trovando uno spazio libero,lasciato vuoto dalle sinistre dabbene e americanine, chiaro che i peggiori scagnozzi delle destre si siano intrufolati. Le camice brune da safari  e altri patetici personaggi hanno trovato così  seguito anche da parte nostra. Ci servivano per difendere nazioni sotto attacco imperialista e dei suoi “ribelli” . La rivoluzione è stata l’ultima sacra parola che ci apparteneva sputtanata dal nuovo sistema di cose e azioni politiche. Oggi però una persona sana di mente pur non rivalutando, se proprio non comprende, gheddafi e assad non deve e può professarsi in favore dei criminali tagliagole. Si perchè come va ora in Libia?

Quindi il movimento anti imperialista è poco credibile e debole. Lo è però il movimento non l’idea giustissima della lotta al colonialismo,per l’indipendenza degli stati e popoli.

Tuttavia è talmente mal eseguita che per anni non avremo nessun peso, la forza veramente anti imperialista è quella delle armi e degli eserciti che lottano. Il resto è dar spazio a gente davvero ridicola,la gente eh!Mica l’anti imperialismo

Avere ragione e sentirti rimproverare dal ultimo arrivato,dal pirla di turno che non ha mai fatto politica, dal professionista del magna magna,del governo ladro,de :noi siamo gggggente. Vedere la loro pochezza all’opera e stupirti che non stiano scherzando. Tu ovviamente eri il pirla e per loro lo sei ancora. Anni di militanza non contano quanto uno che lancia slogan volgari dalla sua postazione in ufficio.

Noi teniamo duro perchè siamo sinceri,anche se persino quelli che tu reputi amici non lo comprendono eh.Siamo speciali noi,eh?Viviamo circondati,soffriamo,ci facciamo male perchè abbiamo ideali,valori,principi,siamo fottutamente Uomini e Donne,ma non andiamo a far i cazzoni e cretinette dalla De Filippi.

Ci ostiniamo a essere comunisti,senza vergogna, con dolore e rabbia,semmai,ma contenti di non essere come quelli che ci circondano.Non dobbiamo contare sull’amicizia e non dare importanza agli amici,per noi conta il compagno e lo spirito cameratesco.Ci dobbiamo fare forza,interessarci ai compagni e compagne come esseri umani e aiutarci. Figli della stessa rabbia.

Rabbia che mi prende per quello che avviene in Venezuela,un errore di valutazione da parte mia e per questo è doveroso una mia autocritica.

Maduro ha vinto per poco,troppo poco. Non è una vittoria da festeggiare come chissà quale evento. Importante certo,ma le forze reazionarie si sono riprese e attaccano. Sono giorni drammatici.Mi auguro che l’esercito sia ancora fedele al” chavismo”,me lo auguro. Perchè queste elezioni ci dicono anche cose spiacevoli;come se la maggioranza del popolo avesse  cuore Chavez,come leader.Forse mi sbaglio,ma temo questo.

Lo ripeto sono realista,tanto mi rendo conto che qui il socialismo non lo vedremo mai, per ora, tanto le notizie estere mi mostrano un imperialismo in crisi,ma ancora forte .

Troppa debolezze,fazionismo,perdita di tempo su cose inutili,teste calde,complottisti allo sbaraglio,gente morta di fama visionaria,maggiordomi dell’imperialismo,democretini,grilletti e grillettate,non sono ottimista in questo momento,ma non sono  sconfitto.

pessimismo e fastidio

5 Apr

Immagina di vivere in una baita in montagna. Sei isolato,vivi di quello che riesci a procurarti. Il giusto,anche se devi fare attenzione a quei vicini vandali che stanno vicino al tuo confine. Decidi che devi difendere quello che hai, poco o tanto non importa,ma devi proteggere te stesso,la tua famiglia. Prendi dei fucili,magari un po’ vecchiotti,poi decidi che puoi permettertene qualcuno nuovo…E da Savona un condominio decide che tu col cazzo che puoi tenere il fucile perchè se ce l’hai va a puttane la pace in Europa. Te ascolti queste stronzate per decenni,poi vedendo che quelli continuano a sparlare decidi di spararla grossa:ehi con i miei cinque fucili ti posso beccare in fronte mentre vai al cesso a masturbarti con La Repubblica o il Giornale.

Apriti cielo:Pericolo!Pericolo!Pericolo! E in tutta Italia nessuno che si chieda:ma cosa cazzo vuole quel condominio di Savona,(parlo di quello accanto al porto eh,lui proprio lui),ma tutti a dire:maddo che cattivo quel tipo che vive nella baita.

Questa è la crisi con il Nord Corea spiegata ai bambini. Non quelli che han tutto il diritto di esserlo,ma quelli che nonostante  l’età hanno un’idea di geopolitica da bimbi delle elementari.

Gheddafi era matto,un beduino. Chavez uno scimmione, il Caro Leader Nord Coreano non è di gradevole aspetto e sicuramente è mezzo analfabeta. Noi ragioniamo e parliamo per metafore perchè questi insulti cadono a fagiolo proprio per i nostri leader di serie z. Le cronache politiche italiche condite dalle grillazzate, (la nuova frontiera delle cazzate) , sono lì a dimostrarlo.

Mi fa specie questo modo di ragionare sciatto,patetico,ridicolo,idiota,fatto da gente che per non so quale motivo si reputa superiore alle altre popolazioni. Si ecco,mi volete dire dove un italiano medio sia notevolmente superiore in confronto a un iracheno,nordcoreano,libico? Gente idiota non manca nella nostra nazione ,analfabeti mentali,’gnurant di barricate alla reazione e alla merda chimica non cervello.

A noi però piace riportare le parole di Soros, e magari dargli pure ragione. Perchè ognuno ha il suo padrone . Chi un Grillo parlante, chi il capitale internazionale. Da anni comunque non vediamo manifestazioni degne di nota,da tempo immemore non ricordiamo un partito capace di organizzare masse amorfe e destrose un tanto al chilo in Popolo cosciente e pronto a battersi per i suoi diritti. Ci piace trovare eroine all’estero.

Troviamo fantastico dire la nostra,senza però rispondere al confronto quando si vuole approfondire la questione, sulla politica. Che tanto,ma si dai..Non fanno un cazzo. Dicevano i grillini da battaglia e tastiera. Mo che stanno facendo i pagliacci in un circo tristissimo, secondo voi, avranno capito l’insensatezza della loro politica anti partitica e anti politica?No. Anzi, loro torneranno a casa vantandosi di essere stati degli eroi e che la sporca politica ha impedito a loro di fare cose bellissime, tipo far tornare le mestruazioni alle donne di 72 anni eh.

Il senso del ridicolo è uno sconosciuto che però ci conosce bene,assai bene, tutti abbiamo combinato,detto,fatto,cazzate immani. Lo riconosciamo. Facciamo autocritica. Toh, sai che anche questa è politica?Un eccessiva democratizzazione invece ti fa dire, senza vergognarti , cose orribili e stupide sulla situazione politica nazionale e internazionale. D’altronde se già Renzi, quello con il chiodo simbolo dei gggiovani…..Negli anni 80! Che i nuovi profeti sparano a caso, parlano per slogan ed effetti speciali, ci mettono sette anni per fare un altro copia e incolla informandoti che la droga fa male. E milioni di italioti medi borghesi a dire: “ah,si?Non lo sapevo devo comprare il tuo libro.

 

Io non so fare immersioni,giocare a pallone,guidare auto veloci  e non, non mi metto a scrivere sul calcio,il mare,le macchine. Ascolto,imparo. Da chi ne sa.

In politica questo non capita. Perchè :uè siamo un paese libero,libbbbbertàààààààà di espressione!!!Ma se non hai nulla da dire,se fatichi a metter due frasi insieme, se non capisci un cazzo, è dovere nostro toglierti la parola. Un individualismo pericoloso,acritico,della serie: ma si,tanto…O : io sono io e voglio dire la mia, alla brevissima è nocivo,alla lunga ‘na apocalisse.

Mi son stancato di dover rispettare gente che fatica a comprendere l’abc della politica,che sparla alla cazzo, mi son stancato dei piagnoni delle libertà ,di vedere una mandria di oligofrenici fermarsi ogni giorno fuori dal palazzo di giustizia di milano e raccontare la rava e la fava. Ieri poi abbiamo assistito a una brutta lezione ripetuta da una distratta studentessa, una cosa davvero ridicola.Alcuni a sinistra, quella libertaria,ci hanno visto invece altro. Cambiate occhiali va.

Io continuo a interessarmi alla politica, l’anno prossimo farò la tessera di un partito comunista,vediamo….Sono un comunista,uno che crede nel Partito,nella disciplina e organizzazione della classe .Il resto è solo rumore del regime demoliberale e delle sue panzane.