dittatura democratica

23 Gen

Il popolo non ha assolutamente bisogno di questa democrazia. Pensateci chi continua da anni e anni a farci credere che senza questo sistema imperfetto per noi si aprirebbero le porte dell’inferno?Gli operai,i pezzi di popolo dispersi nelle periferie?La gente che sopravvive con tenacia nonostante la precarietà?No,niente di tutto questo. Lo dicono le classi dominanti e i loro ascari.

Quando hai il potere economico e decidi la politica, puoi decidere anche quale informazione e per quale scopo dare. La leggenda della stampa libera è la grande barzelletta dei circoli capitalisti. Appartenendo ai privati i giornalisti non faranno altro che attaccare quelle cordate o singoli padroni in conflitto con i propri. Mi si dirà e qualora fossero dei partiti o peggio ancora di un partito stato. Almeno propagandano argomenti utili per la popolazione, si spiegano le linee che il Partito ha deciso e come seguirle. A noi ci spiegano come vestire,come perderci nel lusso irraggiungibile e come desiderare donne sempre hot,sexy e minchiate simili. Però la nostra è una democrazia che tutela le donne. Dove?Nel renderle stronze,ciniche,infelici,in perenne competizione estetica e di portafoglio,oggetti di desideri che si negano perchè “stamo a scherzà”. E che democrazia è quella che nega ad una parte del suo popolo il matrimonio?Io non ho grosse simpatie per il movimento glbt,che reputo pessimo in fatto di politica interna e sopratutto internazionale,però reputo assai curioso che una parte del mondo,che si vede democratica e civile,dove la gente è libera, rifiuti categoricamente un fatto naturale e normale come il matrimonio solo per motivi sessuali. Senza una sana valutazione,attaccandosi a cretinate come quelle dei gay che rovinano le famiglie “sane”.Ah, non è il capitalismo?Non è l’ingiustizia sociale?Il lavoro svuotato da ogni elemento che non sia quello di servire il padrone e ringraziarlo,altrimenti sei choosy.

La democrazia occidentale non è nata con intenti egualitari o di servizio sociale a tutela anche dei più deboli. Essa fino da subito mise  in chiaro che era il governo della nobiltà e della grande borghesia. Nata esattamente insieme allo sfruttamento coloniale,ai tempi dei commerci che nazioni potenti facevano occupando paesi politicamente instabili e poveri,ma ricchi di risorse. Quanto si è combattuto affinchè tutti potessero votare?Quanto ci hanno messo le donne?Battaglie liberali,di testimonianza,civili,ma che son importanti proprio per zittire i pirla che dominano sto mondo e il popolino beota che ascolta solo loro.

L’interesse primario della nostra democrazia è che i ricchi rimangano sempre tali,talora sono sacrificabili perchè i tempi impongono altri padroni.Qualcuno in questo ci vede la forza della democrazia. Partiti svuotati da ogni organizzazione interna,da ideologie e linee di partito,senza scuola quadri ,che facciano solo lo sporco lavoro amministrativo per le banche e le classi dominanti. Guerre spacciate per rivoluzioni usando fanatici che poi in altri campi interpreteranno la parte dei cattivi, il popolo sempre sotto attacco dell’informazione falsata,padronale,inni alla pace e all’amore e condanna totale, meglio se paternalista cioè della serie “ma si son bravi ragazzi,però”, contro ogni forma di rivolta che non sia voluta e sostenuta dall’alto,polizia e botte per i rompicoglioni.

Questa è democrazia.

Gente che lavora per cooperative che non paga gli stipendi e impone a loro di non iscriversi a sindacati e di lavorare a testa bassa. Ecco, quale democrazia ,quale vera democrazia accetterebbe un fatto simile?Vi pare giusto che i capi di queste cooperative invece di finire in galera e di perdere le loro ricchezze nate dallo sfruttamento schiavista di giovani italiani e italiane,possano scorrazzare allegri con i loro macchinoni. E se , dio lo voglia, qualche giovane stufo lo ammazzasse,apriti cielo!La violenza!

I ricchi piangono sempre,altro che “anche i ricchi piangono” sono dei vigliacchi piagnoni ,da sempre. Vogliono commuovere noi raccontandoci le loro disavventure,di uno stato cattivo che li tormenta,ma non dicono mai quanta evasione,quanti soldi in nero,quanta bella vita alla faccia nostra hanno fatto.Disprezziamoli pure e non commuoviamoci. Stiamo accanto alla madre di famiglia che lotta con lavoro precario e affitto da pagare,con l’operaio e il lavoratore che rischia di perdere il posto perchè quello stronzo infame del suo padrone vuol aprire all’estero,anche se la fabbrica qui va bene.

La nostra democrazia è la puttana di lusso del padronato. Manca solo che riprendano  a riaprire le case lavoro,cioè quei lager dove in inghilterra trecento anni fa e anche meno si mettevano i poveracci per farli lavorare a cottimo, ben prima dei nazisti- e pensateci su va!”

Quelli che mi parlano di fallimento del comunismo dico,no. Non ha fallito il comunismo.Ma alcuni suoi uomini,poi la vostra propaganda infame ci mette del suo cercando di screditare i nostri grandi padri.

La differenza tra comunismo e capitalismo è la seguente: il comunismo è una “idea ” giusta,talora gestita da gente sbagliata,il capitalismo è una idea sbagliata ,gestita da gente sbagliata.

 

Notate che comunque sia ai democratici non vada giù l’idea di classe ,tanto che pure certi democretini ne han sposato le cause. Sono quelli che rompono il cazzo con :se non voti noi vince la destra.Ah,perchè voi siete sinistra?E chi ha perso con berlusconi ?Voi per le vostre politiche del cazzo che non piacciono alla maggior parte degli italiani.

La classe invece conta moltissimo e lo vedete guardando chi ci comanda:gente benestante e le loro puttane.

Mentre la precarietà impoverisce una intera generazione. Tuttavia a parte dialoghi retorici non vedo nessuno che lotti veramente per spezzare questa catena.Anzi.. I giovani perdono tempo a polemizzare su e reader e carta, a tifare questo e quello,a perdersi nel paradiso fittizio di beni tecnologici.Quello che vuole il potere capitalista. Vai in giro a dire :che figo! Ipad,tablet,occhiali che leggono i messaggi,e intanto fai fatica a tenerti un posto.Bene,bravo,bis.

La violenza è l’elemento naturale di uno scontro negato e rimandato. Il conflitto sociale ,lo scontro ,la manifestazione,non sono determinanti per la vittoria popolare,ma sono segni che uno scontro sotto la cenere sta bollendo per diventare incendio.  Essendo che l’opposizione dei nostri paesi,ha imparato a opporsi prima nelle aule dei parlamenti,non ha mai il coraggio di dichiarare guerra ,di spezzare e spazzare via questa classe di parassiti che comandano anche dietro le quinte il nostro paese.

La classe è elemento fondamentale,la lotta di classe non è morta. Chi lo dice o è un destronzo, sia nero che rossobruno, o un democretino.

Prima parlavamo di popolo. Quello manca. Abbiamo una massa amorfa che noi non dobbiamo nè condannare nè sostenere a priori. Molti sono zavorra collaborazionista che andrebbe colpita duramente,son i classici poveracci che attaccano i loro simili per aver l’osso dell’avanzo della cena del padrone.Altri hanno bisogno di esempi che li portino a lottare per il loro bene.

Noi invece continuiamo a sentirci inferiori e sudditi degli americani,da oltre 60 anni. Guardiamo all’estero con misto di idiota disprezzo per la nostra nazione e invidia. Estero? America .

Io sono comunista e sono italiano. Non sono contro la mia nazione  e contro il mio popolo a prescindere. Ci sono cose oscene come ad esempio il giustificazionismo sul nostro colonialismo,sulla campagna in jugoslavia,su molte cose. Non amo il patriottismo becero in favore ai due marò,per la nazionale di calcio,per i cibi e bevande,vorrei solo che il popolo italiano si scopra tale e che pretenda quindi indipendenza,autonomia,rispetto.

Non mi pare molto. E sappiate piuttosto che la dittatura democratica delle classi opulente e ladre,preferisco la dittatura comunista e del popolo attraverso le avanguardie di partito

 

Annunci

3 Risposte to “dittatura democratica”

  1. Mario Scardina gennaio 23, 2013 a 8:33 pm #

    Viga, mi trovi sempre molto daccordo.

  2. viga1976 gennaio 24, 2013 a 3:25 pm #

    ^_^ sono felice che vi siano compagni come te,mario!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: