Archive | febbraio, 2012

miss coccodrille dundee’s tears:democrazia e partiti

23 Feb

Un ministro della repubblica democratica italiana sostiene che le riforme si faranno anche senza i partiti.Come se queste organizzazione fossero dei soggetti secondari ,inutili per il funzionamento della democrazia che tanto ci/vi piace.Quindi se pare naturale a tutti che una ministra possa esprimersi in questo modo senza che si alzino i soliti poleveroni di indignados un tanto al chilo.Non salta agli occhi dei Democratici della stampa-ahahahahah- o di altre categorie una contraddizione tra la carica che copri e  quello che dici.Governo tecnico,quindi la signora lacrime di coccodrillo non appartenendo-e per fortuna che di disgrazie ne hanno già tante i nostri partiti-a nessun schieramento,si è lasciata andare a un commento da manager cazzuta ,ma che sa dispensare lacrime per i radical chic e femministe boccalone.

Il problema signori miei è che reputare i partiti un fatto secondario,o al massimo un mezzo di opinione,testimonianza,che però non debbano avere voci in capitolo sulla struttura dello stato e dell’organizzazione nazionale,la vedo decisamente liberale,ma assai poco democratica.

Cari indignati anarcoidi che ve ne sbattete delle istituzioni statali,dell’organizzazione partitica,della disciplina del militante a seguire una linea ben precisa e vivete nel mondo dell’uomo libbbero,ma secondo voi chi cazzo comanderà il vostro mondo di corpi desideranti qualora si superasse la figura dello stato e della nazione?Voi con il vostro sound system o gruppi di potere economico capaci di gestire le crisi economiche internazionali,mirando  a quale paese attaccare per piegare ai loro voleri.di monipolizzare l’informazione e creare ribelli telematici per masse di stolti,di proletarizzare e abbandonare a una vita di disagi vasti settori della piccola e media borghesia?Il diritto umano non è -solo-quello delle minoranze sessuali,religiose,ma anche quelle di masse di normali e semplici cittadini-sicuramente apolitici e anche un po’reazionari,ma perchè del tutto abbandonate dalla sinistra da parade e lustrini e diritti un tanto al chilo-che vivono la situazione drammatica dello stravolgimento e dell’attacco finale delle classi dominanti contro il mondo del lavoro.La cosa divertente è che ormai il popolo è stato talmente abbandonato a sè stesso che si riduce a balbettare sterili urletti indignati o peggio ancora a sostenere le panzanate tragiche di questi panzarotti ripieni di capitalismo e predazione classista.

Un disegno comunque che parte da lontano:la svolta è il 1989.La politica post-ideologica,il partito visto come fonte di arrivismo e di infiniti guai e furti da parte dei cittadini,l’idea che esista una Società Civile dignitosa ed etica che sia altra cosa rispetto a quelli là,unita -perchè avanzano di pari passo- con il fatto che la libera impresa e il mercato siano delle divinità anche un po’ sfigate perchè sempre sotto attacco dello stato infame,ma che solo loro abbiano il potere di farvi vivere una vita decente.

Le classi dominanti quindi hanno la maggioranza e anche l’opposizione.Poichè quest’ultima non ha assolutamente intenzione di dar sfogo a un conflitto politico duro e lungo su un disegno diverso di democrazia,anzi questa opposizione è in primissima fila con i suoi cavalli di troia preferiti a dar contro alle nazioni che ancora hanno un minimo di politica socialista,collettivista,di protezione degli interessi nazionali.

I discorsi girano intorno alle celentanate,ai vestiti succinti delle donne,a correzioni comportamentali,non di fatto politiche.

Proprio perchè indebolendo la figura del partito come organizzatore della vita sociale,portatore sano di una ideologia che deve essere però anche applicata-altrimenti scadiamo nello spontaneismo utopistico-della produzione e sviluppo come fonte di sostentamento della cittadinanza e come posizionamento della nazione tra le nazioni forti-seppur come contraltare all’espansionismo colonialista e imperialista-si decide di donare il nostro destino di vitelli ai macellai.Suggerendo a loro anche i modi più sadici per farci a pezzi,eh?

La stessa situazione della giustizia è vissuta in modo ambiguo.Il comunismo deve difendere i cittadini,le classi meno abbienti,i deboli attraverso la giustizia sociale:cioè impiego,casa,istruzione,salute.Quattro pilastri fondamentali per dare vera giustizia al popolo.Non è tenuto a difendere però i delinquenti.In questa categoria ci metto le vere minacce per la sicurezza della vita dei cittadini:criminalità organizzata,stupratori,rapinatori,spacciatori.Mi viene difficile pensare che qualcuno possa provare a difendere queste categorie.In particolare la prima,la più dannosa e difficile da estirpare,ma evidentemente per alcuni meno pericolosi dei No Tav.Tanto che le prime pagine sono pieni di commenti sotto effetto dell’acido contro questi movimenti che si possono anche non sostenere e non simpatizzare,ma da qui a parlare di terrorismo ce ne vuole.Ah,io ho simpatia per alcuni di loro,(parlo dei no tav),e comunque in italia sono successe cose ben peggiori rispetto agli anni di piombo.Ci sono gli anni delle bombe dei servizi segreti deviati e dell’estremismo nero,(dimenticati visto che tutto è colpa solo e soltanto delle br),ci sono quelli dei legami tra dc e mafia,che hanno fatto versare il sangue non di improbabili santoni alla Saviano,ma di onesti uomini di stato e di partito anche in alcuni casi-La Torre – gli anni della corruzione clientelare,del capitalismo selvaggio e delle dittature del mercato ,del berlusconismo,dell’anti berlusconismo d’accatto e ora silente.Tutti con il loro carico di merda e non c’entrano sempre le br.Ma fa comodo tirarle fuori.

Nella democrazia è possibile manifestare:però sappi che sei un terrorista e un violento e insomma si dovremmo sistemare definitivamente le mafie,ma sai:quelle ci sparano,ci ammazzano,va bene il coraggio di chi fa legge e altro,ma fino a un certo punto.Il senso del ridicolo non ha fine e prezzo.

Quindi la giustizia come pilastro di una nazione non deve concedere giustificazioni o sconti.non solidarizzo con i criminali e attacco a priori le forze dell’ordine.Nondimeno si deve essere abbastanza intelligenti per comprender che esistono reati  i quali si possono sistemare con della sana rieducazione e reinserimento del detenuto e altri che andrebbero puniti con severità fortissima.Noi invece ci manca poco che vogliamo la pena di morte per lo zingarello e il no tav e non per narcotrafficanti,grandi criminali,e veri nemici della giustizia e sicurezza sociale

Per non dire poi della sicurezza più sbandierata,usata retoricamente a parole,ma dimenticata nei fatti:quella sul posto di lavoro.

Noi viviamo di merda non perchè vi sia troppo stato-cosa che dicono i liberali e anche i movimentisti spontaneisti -ma proprio per il contrario:Lo stato non funziona come elemento guida e organizzatore della popolazione,ma è gestito da strutture capitaliste legate ai grandi gruppi di potere economico internazionale,indebolito nelle scelte e nell’attuazione.

Per questo la ministra che lavora anche senza il consenso dei partiti dice una verità svelata,visto come funzionano i tempi,tuttavia noi preferiamo i partiti che perlomeno ci evitano imbarazzanti e ipocrite lacrime da coccodrilli e sicuramente potremmo fare a meno di lei.

 

ogni regime finisce,cosa verrà dopo?

13 Feb

Ehi,scusate!

Non voglio disturbarvi,lo so :Celentano a Sanremo,la morte della Houston,per carità!No,volevo solo dire che il sistema liberaldemocratico dovrebbe essere superato e accantonato,ok?Ma se volete la “grecizzazione” di casa vostra,mica voglio darvi lezioni,ci mancherebbe!

La storia impone cambiamenti.E questi costano.

Ve la sentireste,per lasciare vivacchiare la parassitaria vecchia borghesia vigliacca e rancorosa o una monarchia assolutista e dogmatica,di bloccare un Cromwell o un Roberspierre?Io no.Pur con tutto il terrore che potrebbe arrivare,ma d’altronde cosa ci offre questo antico e ormai rincoglionito e squallido sistema liberale?Lavoro precario.Cioè delle persone come oggetti da usare per il bene della mia azienduccia,poi via e sotto altri.Lavoratori svuotati da ogni possibilità di intervento sul loro operato,disorganizzati e in balia totale del mercato e dei capricci padronali.

I ricchi però li sistemano bene i loro figli,agli altri nemmeno le brioche,che queste teste di cazzo sono più affamati degli zombi,eh?

Un lavoratore senza posto fisso è una persona in perenne ansia.Riuscirò a pagare l’affitto?Posso comprare una casa?Si fanno sacrifici e si cerca di tirare avanti,ma tu caro sistema liberale sei troppo figo per dire  a tutti:vita spartana,rigorosa.No,tu che sei figo dici anche:ehi,gente!Questo è il mondo libero ed emancipato,volete la felicità?Compratela!Guarda quanti vestiti,borse,tecnologia ed è qui per te.

Tu,che del tutto scemo non sei,che fai?Chiedi:eh,si bello,ma sai..Prendo troppo poco per poter spendere e spandere…

Lui ribatte:nessun problema:sconti!saldi!

Per la felicità dei negozianti.Una persona intelligente però dovrebbe dire:ma come sconti e saldi,ma non stiamo mica bene?E allora se tutti questi soldi non ce li abbiamo,non è meglio investire nelle strutture sociali?

La democrazia liberale è un regime.Talora quando la situazione è troppo rischiosa chiama i suoi bodyguard:fascismo e nazismo,affida a loro il lavoro sporco.Poi quando non servono intervengono e Dresda sia,(siccome sono andati alla brace dei crucchi,mica vi rompono le palle con giornate della memoria e similia),ora qualcuno dirà:anche i liberali hanno patito la dittatura.Alcuni e per motivi di opinionismo.La libertà di parola  e stampa,ad esempio.Anche qui però alla fine non vedo la differenza,se non nell’esposizione.

Un mio amico Marco,è stato licenziato perchè nel mega negozio di articoli sportivi dove lavorava,voleva creare un sindacato.

Vedi?Quando la smetti di fare come me,il ribellismo del cazzo a uso e consumo della tastiera,ma entri nel cuore del problema,il sistema liberale ,come ogni regime,ti fotte.Solo che i pezzi di merda liberali sono schifosamente ipocriti.Inventano clamorosamente delle balle di ogni tipo per nascondere il loro classismo elettario,settarista.sfruttatore.

Fumo negli occhi del popolino le libertà espressive,di parola,di stampa.Non troverte mai-se non per deriderle,disprezzarle,dar loro il patentino di terrorismo-altri pensieri se non quello dominante del capitalismo.

La sinistra extraparlamentare è impreparata al conflitto ,se non usando slogan spiccioli,e altre amenità.Non capivano un cazzo da giovani,figurati ora che son anziani.

Quella ufficiale invece è parte totale del disegno politico dei mercati e delle monarchie capitaliste

Fanno ridere le loro chiacchiere in difesa dell’art.18,il loro mendicare un po’ di cortesia padronale per le classi meno abbiente ,e poi dirittismo in salsa imperialista,razzismo paternalista,femminismo d’accatto.Uno spettacolo penoso,quasi quanto il sindaco di roma e i suoi foglietti svulazzanti.

La crisi è politica,per uscirne necessità una vera democrazia:socialista,popolare,collettivista.Non la democrazia dei capitalisti.

posto fisso,no?E allora perchè vuoi stare sulla terra?

8 Feb

Ci sono alcune brutte abitudini,tipiche delle classi dominanti.Quella a uso e consumo delle masse amorfe e della loro vanità che diventa il gesto di solidarietò,la donazione,,chiaramente a fin di bene e scopi umanitari,che però guardacaso potrebbe anche essere un buon motivo di rilanciare la propria immagine,rammentare che la mancia del padrone serve più a te poveraccio che un sistema sanitario funzionante e pubblico e sopratutto di un po’ di giustizia sociale.

Orrore ,orrore,che cosa richiedete?Ma siete matti e i stronzi partono con le trombe a salutare la libera inziativa del libero mercato nel libero mondo.Codesti individui sono spesso nella vita dei modesti borghesucci che temono la miseria e la povertà,niente di male in questo,ma loro la temono razzisticamente,anzi come se fosse anche una brutta malattia

Per loro il mondo è salubre,si ci sono qualche problema-i russi,i cinesi,scioperanti e sindacati-ma per favore ,dategli una commediola,una partita,piccole cose.Vivono per loro fortuna nel tempo dell’osanna alle piccole cose,alla vita spicciola,un applaudire l’ignorante coatto come esempio di popolo,quando esso è solo il servo sciocco delle classi dominanti.Quindi loro vedono solo una bella democrazia che sostiene i ricchi-e si ,questi pensano di esser ricchi-come loro e infatti :evviva la polizia se bastona gli zingari,maledetti se ti beccano a ladrare insieme agli amici tuoi.

Sono anche codardi,è bene che lo sappiate:il borghese è codardissimo.Lui è di una cattiveria repressa clamorosa,augura morte e bastonate a tutti,poi se per caso dovesse scoppiare una rivoluzione sa che l’operaio,il muratore,il suo giornalaio,se lo cucinano a fuoco lento e allora che fa?Parla di serietà,responsabilità,ognuno faccia il suo dovere,pace e democrazia.

Ora una sciocca monarchia capitalistica afferma che il lavoro fisso sia una grande cazzata e che palle!Poi ci sono i bamboccioni,poi gli sfigati.E questi ci governano.

Fosse stato un altro tipo di governo ci sarebbe stato il popolo viola-colore che porta sfiga-a protestare ,giustamente.Giornali avrebbero scritto:ma questi governano il paese,non il rotary club,lo sanno?Sostenendo che par poco democratico e civile dire certe cazzate con la pancia piena e i posti- non il posto-fisso.O comunque anche se li cambi ogni mese,non sai un cazzo delle masse e di come vivono.Fatelo per un mese,coglioni.

E mandate vostra figlia a lavorare in altri posti,lontana da mammate e famiglia.

Chiedete ai precari-che non sono lazzaroni visto che molti vanno a lavorare in posti anche distante da casa per un lavoro di qualche mese-se preferiscono la noia di un posto fisso,ma che possa garantire a loro un minimo di futuro decente e quindi anche l’acquisto della casa,o questa bella vita da flessibili e oggetti in mano allo sfruttamento da parte di teste di cazzo,delle agenzie e di altro.

Io ho provato per dieci anni la gioia della precarietà ora per fortuna ho un lavoro fisso.Giornalaio.Non si prende abbastanza ancora per prendermi una casa,ma metto via i soldi e intanto sono più sereno:so quello che farò domani.

Forse Mariolino non lo sa,ma per carità siamo in democrazia?Tieniti le tue cazzo di idee,falle conoscere alle tue amichette dalle lacrime di coccodrillo-sceneggiata penosa-e fatevi 4 risate,ma non parlare per gli altri,che manco sapevano chi cazzo sei e per loro non conti nulla.Per noi italiani almeno,ma tu stai lavorando sotto contratto per le banche europee e l’imperialismo americano,sei il loro maggiordomo.Comprendo che ti possa dare fastidio e vorresti cambiare lavoro,vieni da me.Ti prendo al posto di mio padre che alla sua età mi offre un buon aiuto.Lui riposa e sarebbe giusto e te vecchio mario,ti godi una nuova possibilità.Ti va?Accetto anche la cancellieri o la figlia di quell’altra.Pagati?Si con la mia simpatia,ogni dieci ore di lavoro,una bella barzelletta per rallegrarvi.

Ancora oggi molti sinistrati gravi-ricordate massimo disprezzo per la sinistra occidentale-tessano le lodi a Mariolino,persona seria.Contentissimi pure di ritornare a essere i parenti scemi di tedeschi,francesi,ammmmeregggani.Però sono demcratici,liberi,non sono dittatori cattivissimi da abbattere con rivoluzioni del cazzo e false.

Questi sinistrati male li trovi tra i lecchini del pd,tra le confusioni narrative e di genere di sel,tra i rifondaroli allo sbaraglio.Invece gli estremisti movimentisti ce l’hanno con Monti,ma hanno lacune gravissime di ignoranza totale sulle crisi internazionali.

Visto che sono pressochè inutili si dedicano allo sport:ma come stavamo male prima.

BERLUSCONI:il male assoluto.In sostanza un pessimo cabarettista,circondato da tanti pirla,che però come pericolo non è nemmeno la metà della potenza che hanno molti gruppi di potere economico.

Una brutta tragicommedia italica,certamente,ma non dimentichiamo anche la totale povertà di contenuti delle sinistre liberaldemocratiche,americanizzate e colonialiste.

Noi crediamo che la democrazia vera sia socialista.Non la vedremo mai,tuttavia se il posto fisso dovesse essere davvero noioso,vuol dire che prima o poi potremmo licenziarlo questo cazzo di regime capitalista e liberale.A pedate nel culo!