Stato di allucinazione

4 Gen

Lo stato ha il dovere di prendersi le aziende,fabbriche,attività,sul suo

territorio,qualora i soliti imprenditori decidessero di ricattare

l’istituzione e i lavoratori con la politica del :mi sposto da altra

parte.Solitamente paesi dove posso permettermi di fare il figlio di

puttana. Un ricatto vile perchè colpisce i lavoratori,ma sopratutto

la compattezza e forza dello Stato.Dopotutto nel regime liberale,esso

è solo un mezzo per fare affari sfruttando altre strade e amicizie

influenti,un giocattolo dei padroni e del loro capitalismo.Reputo

questa politica,che fa orgasmare i vecchi e i giovani intellettuali

liberali,una delle cause del disastro che viviamo. L’azienda,la fabbrica,l’attività che produce sorge su territorio italiano.Qualora

un imprenditore volesse guadagnare di più per sè-ripetiamolo per

sè-è libero di farlo partendo per l’estero con le sue gambette e le sue idee.L’attività deve essere nazionalizzata e affidata alla produzione per il Paese e il suo benessere. Tanto,visto che i nostri

industriali e imprenditori sono assi della libera iniziativa e non

conoscono problemi,non ci metterebbero molto a costruire da capo la loro fortuna in altre zone.Da capo.Perchè i capitalisti amano la sfida,si buttano,hanno coraggio e allora andate fuori dai

coglioni con le vostre belle iniziative. Noi preferiamo salvare la vostra ex fabbrica o azienda ,i lavoratori,e far produrre per potenzializzare la nostra Nazione. Perchè  trovo inacettabile e intollerabile che qualcuno possa ricattare le istituzioni,che qualcuno possa chiudere attività che in Italia non vanno male perchè lo stronzo vuole guadagnare di più. Non mi si parli per carità di :eccellenze,meritocrazia,e altre baggianate.Il ragionamento è facilissimo:vai per i cazzi tuoi caro,noi continuiamo per amore di patria a produrre.Serve la figura dell’imprenditore?Più che altro servono politiche economiche e un’idea di produzione che potrebbe essere gestita da esperti sotto il totale  e assoluto controllo statale.Piangeranno i liberali,ma chi se

ne frega. Quelli che hanno dato il via al colonialismo,i difensori dello sfruttamento di classe,i finanziatori del fascismo,gli ipocriti

che si nascondono dietro a belle immagini di libertà. Quelli che con le liberalizzazioni hanno deciso di sacrificare una parte del commercio e dell’artigianato ,obsoleti alle strategie del capitale in ristrutturazione. Perchè questo sta capitando:il capitale si rinnova e quindi necessita di vittime ,non solo nelle classi basse e sfruttate,ma anche nelle periferie del potere capitalista.Per mantenere viva e forte la Roccaforte. Il capitalismo ha bisogno dei sacrifici,da sempre. Crea crisi per poter purgare da quelle che ormai sono elementi inservibili,pleonastici,tossici per la successiva rinascita. Lo fa dando colpa ai governi e alla politica,che in occidente devono essere viste come cose per pochi e per corrotti.

Dopotutto già alla sua nascita la democrazia parlamentare a parole dava importanza al popolo,ma in sostanza non sono poche le testimonianze di illustri filosofi liberali contrarissimi al suffragio universale,alla partecipazione diretta delle masse nelle organizzazioni politiche. Il partito doveva -ed infatti è-un mezzo

per gli affari dei privati,così come lo stato serve come sostegno per

socializzare le perdite-ecco chissà come mai gli eroici imprenditori puntino tutti ad avere un aiuto economico dallo stato quando non gli riconoscono nulla,solo che tutti noi dobbiamo pagare le minchiate fatte da qualcuno che si improvvisa capitan di industria-

i partiti devono solo essere di testimonianza,di opinione. Notissimo è l’astio nei confronti di quelle associazioni, anche di stampa,che intendono dare organizzazione e applicazione ai bisogni popolari.

Siccome però il liberale non possiede coraggio,è un vigliacco e codardo totale si inventa la figura del filantropo che lotta per le idee,per l’espressione,per la libera stampa. Non credeteci,è lo stesso che orgasma per il colonialismo e lo sfruttamento ,lo stesso che considera vite sacrificabili quelle degli abitanti dei paesi occupati,sborra di goduria per la mattanza poliziesca,hanno dato il sostegno economico a dittature destronze,insomma è questo tipo qui.

Essendo vigliacco ha paura della rabbia popolare e allora parla sempre di pace e amore.Sempre. Sui suoi giornali patetici individui

vi faranno una capoccia tanta parlando di pericoli per la democrazia,atmosfera che ricorda il periodo del terrorismo,e la mistica dell’odio,da condannare. Parlano sempre di amore e pace

quando stanno con un piede dentro la fossa.Non avranno mai il coraggio di dichiarare guerra apertamente a voi Popolo,no.Però ,credetemi,la guerra ve la fanno eccome!Di chi sarebbe la colpa di tutte queste sventure economiche?Dei rossi?

Dei terroristi islamici?O di qualche stronzo fedelissimo servitore della dittatura del Libero Mercato?

Siete delle pecore condotte al macello tutte insieme,convinte di essere un branco di lupi. L’individualismo tanto difeso dai liberi pensatori non esiste. Tutti pensate di essere liberi,ma fate le stesse cose,avete gli stessi bisogni e sogni da consumatore rincoglionito.

Individualismo massificante,ecco quale è la situazione della massa

e del popolo nei nostri regimi. Amarissima è la soddisfazione di chi pensa che sia al sicuro da questa deriva. Una resistenza che essa si è vera apologia dell’individualismo tanto ipocritamente difeso dai pennivendoli liberali.

La delusione viene anche dalla parte che una volta si vantava di essere comunista. Piegata completamente ai tempi e modi attuali senza la minima idea di un cambiamento,basta governare sotto la protezione delle potenze yankee-sioniste  e avere un piccolo spazio nell’eurocolonialismo di stampo atlantista. Si,il berlusconismo con la sua miscela di idiozia,cialtronaggine,personaggi impresentabili è stato da molti visto e spacciato come la parte peggiore del nostro paese.Sicuramente in parte è stato così.Non per la politica però,ma per il livello culturale e morale basso del paese.Pompare la figura ridicola di un Berlusconi,creare un’armata di intoccabili e martiri della brutale censura forzaitaliota,serve per dare un nemico interno al quale affidare gli sforzi di molte persone perbene per non dar modo a loro di pensare in modo più  ampio su cosa stia succedendo all’estero e nei posti di grande potenza economica mondiale.

Dove si gioca davvero il destino delle nazioni e dei popoli,se ancora avessero un pur piccolo significato.

 

Poi il martire di turno si scopre che abbia copiato gran parte del suo materiale da un comico americano ormai defunto.Omaggio sostiene esso.Nondimeno me lo rammento nei suoi spettacoli prendersela tantissimo contro i comici che prendono il materiale di altri. Citava sempre una battuta detta da un noto conduttore.

Una battaglia morale per la difesa della propria creatività,e tutti ad applaudire.Quello è uno dei nostri,un martire della lotta per la libertà. Poi si scoprono queste cose,gli omaggi…Come va di moda dire oggi.Pazienza. Sono cose che capitano e anche comprensibili,meno che si facciano crociate moraliste sulla difesa del lavoro di comico e contro le copiature..

Non affidatevi e non chiedete nulla agli artisti,non inginocchiatevi di fronte alla santità dei martiri,non lasciate le vostre vite in mano ai liberi pensatori.Organizzatevi,datevi una disciplina,non abbiate paura delle accuse dei pacifisti a busta paga dei killer.Pretendete il lavoro,la salute,l’istruzione,la casa .

Pretendete di avere una Nazione,guidata da partiti efficaci e organizzati. Pretendete la collettivizzazione,il socialismo,il benessere pubblico e distribuito,la produzione e lo sviluppo per voi e per la patria,il rispetto del bene comune,la solidarietà classista.

La classe è vittoriosa quando evita di essere pura rappresentazione di una singola categoria sganciata dal resto,ma diventa nazionale e unita.

Spero che nei prossimi anni si possa comprendere in tanti.

Annunci

8 Risposte to “Stato di allucinazione”

  1. akio gennaio 4, 2012 a 3:43 pm #

    omsa che… s……i!

  2. mazingazeta gennaio 4, 2012 a 4:23 pm #

    La delocalizzazione ? sono politiche economiche decise da chi sta più su dei governi e che hanno un’idea del lavoro del tutto opposta alla tua ; Freccero ieri sera ha detto che aver visto in Fiat a Pomigliano Marchionne + elkann + fornero + passera + lavoratori tutti uguali tipo laboratorio ha costituito un esempio simbolico sottovalutatissimo dai mass-media ma dal significato chiarissimo. hola tristan (ex tristantzara)
    ps : guarda il blog steveworkers.tumblr.com ti piacerà assai penso.

    • viga1976 gennaio 4, 2012 a 5:24 pm #

      concordo assolutamente con il tuo commento.Dopotutto denuncio proprio questo:la debolezza dello stato e della politica nei confronti del Capitalismo
      Il modello fiat del Maglioncino Triste è una delle faccie del fenomeno
      Guarderò il link,grazie!

  3. giovanotta gennaio 9, 2012 a 6:15 pm #

    Viga!! alfine ti ritrovai.. 🙂
    per ora mi segno il link del blog, poi tornerò a leggere il tuo post
    che tu scrivi sempre cose parecchio “corpose”..
    Intanto Buon Anno!

    • viga1976 gennaio 10, 2012 a 6:45 am #

      ciao giovanotta!
      ben ritrovata!
      Buon anno,magara senza liberalizzazioni alla cazzo

      • giovanotta gennaio 10, 2012 a 3:18 pm #

        Viga, ho provato a linkarti ma mi compare (vedi tra i blog amici da me sotto “My blog”) il tuo vecchio blog, col formato strano che si ha seguendo le istruzioni di splinder… (che è poi quello che mi sono salvata pure io sul pc, non riuscendo a fare l’esportazione..)
        vedi tu se puoi correggere, comunque ora so dove sei 🙂
        ciao

  4. viga1976 gennaio 10, 2012 a 5:47 pm #

    sono giunto per miracolo qui,perdendo il vecchio blog.Non saprei che consigli dare o cosa fare.Ormai però sei giunta qui,no?Poi se non sei tu che vai da malgoverno è malgoverno che viene da te!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: